Aneto

(anche Aneto odoroso)
    Pagina Catalogata come Erbe e Piante

Etimologia
Aspetto
Principali proprietà e usi
Usi culinari
Curiosità

Conosciuto anche con il nome scientifico di Anethum graveolens o Aneto odoroso, appartiene alla famiglia delle Apiaceae.

Torna in cima





Etimologia link


Il nome del genere deriva dal greco «anethon» (Anice), il quale deriva a sua volta dall'antico egizio. Questo termine può essere tradotto con allontana i malori in riferimento alle proprietà medicamentose. L'epiteto specifico graveolens deriva dal latino «gravis» (pesante, forte, intenso) et « olens » (sentore, aroma), in quanto ha un odore forte, quindi, la traduzione letterale sarebbe all'incirca «anice dall'odore intenso»
Il binomio scientifico attualmente accettato (Anethum graveolens) è stato proposto da Carl von Linné (1707 – 1778) biologo e scrittore svedese, considerato il padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi, nella pubblicazione ”Species Plantarum” del 1753.


Torna in cima

Aspetto link


Pianta erbacea annuale, di odore molto aromatico, composta da una radice sottile e da fusti eretti.
L'infiorescenza è formata da ombrelle composte, con piccoli fiori a cinque petali gialli.

Torna in cima

Principali proprietà e usi link


Pianta dalle proprietà spasmolitiche, diuretiche, eupeptiche e battericide. Per questo è spesso usato in pozioni curative, in particolare quella contro il singhiozzo.

Torna in cima

Usi culinari link


Le foglie fresche vengono usate, soprattutto in Scandinavia, per aromatizzare insalate, minestre, salmone marinato salato, uova. I frutti, invece, vengono adoperati per profumare cetrioli sotto aceto, salse e conserve. I frutti vengono inoltre utilizzati inoltre per aromatizzare pane e grappa.

Torna in cima

Curiosità link


Spesso viene confuso con il Finocchio selvatico.








Info
Stai guardando TID 806
(EID 8 - REV 1 By Shireen_Firewet)
September 17, 2014

R0 R1

6214 visualizzazioni

Modifica