Coppa del Mondo di Quidditch del 2014: Gazzetta del Profeta 8 Giugno - USA VS Liechtenstein

    Pagina Catalogata come Eventi - Coppe del Mondo di Quidditch

Testo tradotto (italiano)
Testo originale (inglese)

Un articolo della Gazzetta del Profeta del 8 giugno 2014 scritto dalla corrispondente Ginny Weasley parla di una partita valida per i quarti di finale della Coppa del Mondo di Quidditch del 2014 disputata tra USA e Liechtenstein.

Torna in cima





Testo tradotto (italiano) link


Dalla corrispondente per il Quidditch della Gazzetta del Profeta nel deserto della Patagonia, Ginny Potter.

USA 450 - 290 Liechtenstein
(partita conclusa)


Nel caso in cui i Babbani non abbiano notato i festeggiamenti che hanno animato la notte della Patagonia possiamo solo dire che oltre a essere senza poteri magici sono anche totalmente stupidi. Gli Stati Uniti d'America si sono qualificati per gli scontri in semifinale e, mentre stendo questo resoconto, i funzionari argentini stanno pattugliando l'accampamento dei tifosi e la residenza dei giocatori nel tentativo di fermare un tipo di festeggiamenti tipico di una vittoria nella finale.

Gli Stati Uniti non hanno mai raggiunto grandi traguardi nel Quidditch, essendo l'unico paese a preferire il (francamente eccentrico) gioco del Quodpot. La partita di oggi dimostra che gli Stati Uniti sono finalmente diventati una vera potenza dello sport più amato dai maghi e dalle streghe.

Qualcuno potrebbe insinuare che il Liechtenstein partisse già svantaggiato in seguito alla partita contro il Ciad, durata ben tre giorni (primo giorno, secondo giorno, terzo giorno), ma quando è scesa in campo la squadra sembrava essersi pienamente ristabilita.

Le prime fasi della partita sono state veloci e combattute, con un possesso della Pluffa equilibrato tra le due squadre. Il Cacciatore statunitense Quentin Kowalski ha ricevuto commenti positivi da tutti i telecronisti e tecnici per i suoi abili zig-zag, anche se il bello del Liechtenstein Otmar Frick ("Il Ruvido di Ruggell") è stato il miglior Cacciatore dell'incontro con ben sedici punti messi a segno.

L'applauso di tutto lo stadio, però, spetta di diritto al Cercatore americano Darius Smackhammer, che al minuto numero 148 ha regalato alla propria squadra uno storico posto in semifinale. La sua temeraria cattura del Boccino d'Oro lo ha visto lanciarsi con estrema velocità tra i due Bolidi, rischiando di schiantarsi contro il massiccio Cacciatore del Liechtenstein Willi Wenzel per agguantare il Boccino che volteggiava vicino alla sua caviglia sinistra.

Le scintille rosse, bianche e blu che riempiono il cielo sono talmente fitte che al momento è difficile respirare o vedere qualcosa. Un alto funzionario del Comitato Internazionale dei Maghi per il Quidditch, infastidito, ha rilasciato la seguente dichiarazione alla Gazzetta del Profeta poco dopo la partita: “se è così che si comportano quando arrivano in semifinale, non oso pensare a cosa faranno se raggiungono le finali o il titolo. Servono dei troll di sicurezza".

Torna in cima

Testo originale (inglese) link


From the Daily Prophet's Quidditch Correspondent in the Patagonian Desert, Ginny Potter.

USA 450 - Liechtenstein 290

If Muggles haven't noticed the celebrations currently piercing the Patagonian night, we must assume that in addition to being non-magical they are also remarkably stupid. The USA is through to the semi-finals of the Quidditch World Cup and as I write this report, Argentinian officials are storming through both the supporters' encampment and the players' quarters, attempting to quell the kind of jubilation more commonly associated with the final.

The US has historically put up a poor show in international Quidditch, being the only country to have embraced the (frankly odd) game of Quodpot. Today marks the US's maturation into a true force of the wizarding world's most popular sport.

Though some may suggest that Liechtenstein entered the match at a disadvantage, having competed in a three-day epic against Chad, the team appeared fully recovered as they entered the stadium. Early play was fast and competitive with Quaffle possession almost equal. US Chaser Quentin Kowalski drew plaudits from all commentators for his deft weaving and rolling, although Liechtensteiner heart-throb Otmar Frick ('The Rugged Man of Ruggell') was the game's top scorer with 16 goals.

Top plaudits must go to American Seeker Darius Smackhammer, who secured the US's place in an historic semi-final in the 148th minute. His was a daring Snitch capture that involved a breakneck dash through the cross fire of both Bludgers and risked collision with hefty Liechtenstein Chaser Willi Wenzel to tweak the Snitch hovering near Wenzel's left ankle.

Red, white and blue sparks are currently so thick in the air that it is both difficult to breathe or see. A harried official high in the ICWQC told the Daily Prophet shortly after the match: 'if this is what they do when they get into the semis, imagine what we're facing if they reach the final. I'm thinking Security Trolls.'

(Pottermore: USA VERSUS LIECHTENSTEIN)








Info
Stai guardando TID 5589
(EID 141 - REV 0 By Mirco_Mcqueen)
August 3, 2017

R0

2258 visualizzazioni

Modifica