Gaunt, Merope

    Pagina Catalogata come Personaggi dei libri - Adulti

Tabella Riassuntiva
Biografia
Analisi di J.K. Rowling - Pottermore

Merope Gaunt è la figlia di Marvolo Gaunt e sorella di Orfin Gaunt .
Faceva parte di una famiglia di maghi purosangue, ultimi discendenti di Salazar Serpeverde .

Personaggio
Nome Merope Gaunt
Data Nascita1907
Data Morte31 dicembre 1926
Sessofemminile
Occhinocciola
Capellicastani
Figlia diOrvoloso Gaunt
Mrs Gaunt
FratelloOrfin Gaunt
Stato civile sposata con Tom Riddle Senior
FiglioTom Orvoloson Riddle
Casa Non ha mai frequentato la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts
Stato di SanguePurosangue
Menzionata nei libri HP CdS - HP CdF - HP OdF - HP PM (flashback) - HP DdM
LealtàFamiglia Gaunt, Famiglia Riddle, Tom Orvoloson Riddle



=

Torna in cima





Biografia link



Merope viveva in una baracca nei pressi di Little Hangleton con gli unici parenti rimasti: il padre Marvolo e il fratello Morfin. Fu maltrattata e offesa in ogni modo dal padre e dal fratello, visse una vita fatta di stenti e rinunce, in una casa fatiscente e sporca. Per tutto il periodo della giovinezza a causa dei maltrattamenti ricevuti riuscì difficilmente a mostrare le proprie doti magiche.
Il suo unico sogno o desiderio era rappresentato dal giovane Tom Riddle sr, un nobile snob e sgarbato che abitava nella ricca villa confinante con la terra dei Gaunt. La giovane Merope lo spiava mentre passava a cavallo, sognando in cuor suo che si accorgesse di lei.

Durante la visita di un inviato del Ministero della Magia per un'ispezione fu trovata Merope in condizioni molto critiche: era grigia come il muro della stanza in cui si trovava, aveva i capelli lisci e sbiaditi e un viso privo di segni di vita, pallido, e sembrava piuttosto intristita.

Nel frattempo il fratello Orfin raccontò al padre di come lei spiasse e bramasse il giovane babbano. Orvoloson Gaunt, di carattere collerico e spietatamente orgoglioso della sua discendenza, si accanì contro la povera Merope. L'inviato del Ministero intervenì nella colluttazione e con l'aiuto dei rinforzi condusse via Orvoloson e Orfin, che furono poi processati e portati ad Azkaban.

Rimasta sola, Merope si illuse di essere libera di dar sfogo alla sua favola: infatti riuscì a provare un vero e incondizionato amore verso qualcuno. In qualche modo avvicinò il giovane Tom, propinandogli, di nascosto, un filtro d'amore (secondo Albus Silente è poco probabile abbia usato la maledizione Imperius. Forse ha utilizzato la maledizione per indurre il giovane a bere visto che un ragazzo di buona famiglia come Tom non si sarebbe mai avvicinato alla figlia di un poveraccio). Grande fu lo scandalo in paese quando Tom e Merope si sposarono e partirono insieme. Dopo qualche mese dal matrimonio Merope rimase incinta.

Suo padre era nel frattempo tornato da Azkaban e non trovò la figlia-serva ad aspettarlo. Merope stava vivendo la sua favola d'amore. Era però veramente solo una favola e per la poveretta finì tragicamente. Convinta che ormai il marito la amasse veramente, aiutata dal pensiero di un figlio che poteva legarli ancora di più, smise di dargli il filtro magico. Tom Riddle , ben lungi dall'essere realmente innamorato di lei, la abbandonò disgustato e la accusò di averlo truffato tornando a Little Hangleton.

Così Merope si ritrovò sola, incinta, senza un soldo e depressa per il sentimento infranto e gli abusi in giovane età subiti. Spinta dall'indigenza, fu costretta a vendere uno dei due cimeli di famiglia del padre: il medaglione di Serpeverde che lei portava al collo. Caractacus Burke, proprietario di Magie Sinister a Notturn Alley, glielo pagò solo 10 galeoni, ben sapendo che l'oggetto era di valore inestimabile.

La notte del 31 dicembre 1926, Merope, ormai allo stremo, si rifugiò nel babbano orfanatrofio Wool a Londra.
Qui diede alla luce suo figlio: Tom Orvoloson Riddle (Tom Riddle in ricordo del padre del piccolo e come secondo nome Marvolo come il proprio padre).
Morì un'ora dopo il parto, a soli 19 anni.


Torna in cima

Strega o Maganò? link



Circa le effettive capacità magiche di Merope la comunità magica è divisa: alcuni, infatti, sono propensi a credere che fosse realmente una strega, anche se molto inetta ed insicura, altri, invece, sono convinti che fosse davvero una Maganò e che sia stato Lord Voldemort stesso a lasciar credere che sua madre avesse dei potere oltre che il sangue puro. Sebbene non vi siano prove risolutive al riguardo, noi siamo convinti che la seconda ipotesi sia più verosimile della prima per almeno tre ragioni.

Innanzitutto, è risaputo che Merope non abbia mai frequentato Hogwarts, mentre, anche i maghi più incapaci, come per esempio Neville Paciock, vi sono ammessi al compimento degli 11 anni.
In secondo luogo, il suo stesso padre, Orvoloson Gaunt, la insulta in più di un'occasione usando l'epiteto "Maganò" che, per un Purosangue è il peggiore degli insulti.
In terzo luogo, è noto e dimostrato che i Maghinò siano molto rari e che nascano quasi esclusivamente da famiglie Purosangue, come quella dei Gaunt.

Inoltre, non vi sono prove che abbia mai posseduto una bacchetta od evocato incantesimi, né per rendersi la vita più comoda né per salvare se stessa ed il proprio bambino.
Infine, sapendo quanto Tom Orvoloson Riddle si vergognasse delle sue origini babbane, è presumibile che il dover ammettere di avere una madre Maganò, oltre che un padre babbano, fosse davvero troppo per il suo orgoglio, quindi, è molto probabile che abbia sempre più “pubblicizzato” l’appartenenza di Merope ad una famiglia Purosangue, e per di più direttamente discendente da Salzar Serpeverde, ed abbia omesso di parlare dei poteri che possedeva o che, più verosimilmente, non aveva.
Tutto considerato, pare molto più probabile che Merope fosse un Maganò piuttosto che una strega.


Torna in cima

Analisi di J.K. Rowling - Pottermore link



Merope nella saga è il personaggio che più si contrappone alle altre figure femminili per le scelte che prende. La giovane Gaunt inizialmente decide di combattere per amore, ma non di un figlio come faranno Lily, Molly o Narcissa. Decide di combattere per amore di un uomo, dell’uomo di cui si era innamorata. Quando poi si trova sconfitta non riesce più a reagire, nemmeno a riversare quell’amore nella cura del proprio figlio.

Come dice lo stesso Albus Silente a Harry, non bisogna però giudicare troppo duramente Merope per aver abbandonato suo figlio. La giovane ragazza si era completamente inebriata di quel sentimento d’amore.
Per la prima volta nella sua vita si sentiva davvero felice. Quando tutto finì non riuscì a trovare nient’altro che potesse sostituire le sensazioni provate durante quell'ultimo anno. Non perché non volesse, ma piuttosto perché non ci era mai stata abituata.

Per quanto riguarda poi la presunta perdita della magia, si sa che forti stress emotivi possono portare un mago a perdere le proprie abilità magiche, come molto probabilmente accadde a Merope.
In più, quasi sicuramente, il suo patronus avrebbe cambiato forma, se solo fosse stata capace di produrne uno. Infine, secondo la scrittrice, se Merope fosse rimasta in vita per prendersi cura di suo figlio avrebbe potuto esercitare un’influenza positiva su di lui.

Alla fine si potrebbe arrivare a dire che Voldemort crebbe senza amore per il fatto che sua madre morì desiderandolo, mentre quello di suo padre venne rubato invece che guadagnato.
Forse se Lord Voldemort avesse avuto anche una minima idea della differenza tra un vero amore e uno obbligato, avrebbe avuto una migliore comprensione del potere e di quello che gli sarebbe potuto succedere. Fortunatamente per Harry, questo non accadde mai.




Merope Gaunt è presente 1 volte nelle nostre citazioni dai Libri di Harry Potter.
Leggile Ora





Info
Stai guardando TID 2168
(EID 114 - REV 4 By Mirco_Mcqueen)
October 8, 2016

R0 R1 R2 R3 R4

26133 visualizzazioni

Modifica