Harry Potter e La pietra filosofale (Film Transcript Parte 2)

    Pagina Catalogata come Film di Harry Potter


HARRY POTTER E LA PIETRA FILOSOFALE - PARTE II

Regia: Chris Columbus

Cast: Daniel Radcliffe (Harry), Rupert Grint (Ron), Emma Watson (Hermione), John Cleese (NIck-quasi-senza-testa), Robbie Coltrane (Hagrid), Warwick Davis (Folletto), Richard Griffitths (Vernon), Richard Harris (Silente), Ian Hart (Raptor), John Hurt (Olivander), Alan Rickman (Piton), Fiona Shaw (Petunia), Maggie Smith (McGranitt), Julie Walters (Molly Weasley)

Continua da Harry Potter e La pietra filosofale (Film Transcript Parte 1)


OLIVER BASTON: Il Quidditch è facile da capire. Ogni squadra ha sette giocatori: tre Cacciatori, due Battitori, un Portiere e un Cercatore. Saresti tu. Ci sono tre tipi di palle. Questa si chiama Pluffa. I Cacciatori si lanciano la Pluffa, e cercano di farla entrare in uno di quei tre anelli. Il Portiere, cioè io, difende gli anelli. Mi segui fin qui?
HARRY: Credo di si. Quelle cosa sono?
BASTON: Ah, prendi questa. Attento, torna indietro... Ah! Non male, Potter. Bravo come Battitore! Oh-oh...
HARRY: Che cos'era?
BASTON: Un Bolide. Rognosi, i Bolidi. Ma tu sei un Cercatore. L'unica cosa di cui ti devi preoccupare è questa. Il Boccino d'Oro.
HARRY: Mi piace questa palla.
BASTON: Ah, ti piace ora. Ma vedrai, è velocissima e quasi impossibile da vedere.
HARRY: E cosa devo farci?
BASTON: L'acchiappi. Prima dell'altra squadra. Se l'acchiappi la partita è finita. Acchiappalo, Potter... e noi vinciamo.
HARRY: Wow!
FILIUS VITIOUS: Una delle abilità più rudimentali di un mago è la levitazione, o capacità di far si che gli oggetti volino. E... avete le vostre piume? Bene. Ora... Non dimenticate il bel movimento del polso che abbiamo provato. Hm? Agitare e colpire. Coraggio.
CLASSE: Agitare e colpire.
VITIOUS: Bene. Oh, e... Enunciate... Wingardium Leviosa. Su, provate.
CLASSE: Wingardium Leviosa. Wingardium Leviosa.
RON: Wingardium Leviosar.
HERMIONE: No. Fermo, fermo, fermo. Così caverai l'occhio a qualcuno. Per di più, sbagli pronuncia. E' "Leviosa", non "Leviosar".
RON: Fallo tu, visto che sei una sapientona. Dai, forza.
HERMIONE: Wingardium Leviosa.
VITIOUS: Oh, oh! Molto bene! Avete visto, ragazzi? La signorina Granger ce l'ha fatta! Eh, eh, eh! Splendido!
SEAMUS: Wingardium Leviosa.
VITIOUS: Complimenti, cara.
SEAMUS: Wingard...
VITIOUS: Ooh...
HARRY: Credo che ci vorrà un'altra piuma qui, professore.
RON: È "Leviosa", non "Leviosar". È insopportabile, dico davvero. Per forza che poi non ha amici.
HARRY: Ti ha sentito, credo.

I STUDENTE: Che buona!
II STUDENTE: Come va con le Arti Oscure?
III STUDENTE: Non c'è male.
IV STUDENTE: Mi raccomando, teniamo alto l'onore...
HARRY: Do... Dov'è Hermione?
NEVILLE: La sua amica Calì ha detto che non è più uscita dal bagno delle ragazze. È rimasta chiusa li dentro tutto il pomeriggio, a piangere.
RAPTOR: Un Troll! Nei sotterranei! Un Troll nei sotterranei! Io ve l'ho detto. Uh!
RON: Aaah!
NEVILLE: Aaah!
DRACO: Aaah!
SILENTE: Silenzio! Ragazzi, per favore, niente panico. Bene. I prefetti riporteranno gli studenti della loro Casa nei dormitori. Gli insegnanti mi seguiranno nei sotterranei.
PERCY: Grifondoro, non disperdetevi. State calmi e in silenzio.
I PREFETTO: Tassorosso da questa parte.
II PREFETTO: Tutti seduti...
PERCY: Grifondoro tenete il passo, prego. E state all'erta!
HARRY: Come avrà fatto ad entrare?
RON: Certo non da solo, i Troll sono molto stupidi. Qualcuno ha voluto fare uno scherzo. Che c'è?
HARRY: Hermione! Lei non sa niente!
RON: Credo che il Troll sia uscito dal sotterraneo.
HARRY: Va nel bagno delle ragazze!
HERMIONE: Aaah!
HARRY: Hermione, spostati!
HERMIONE: Aiuto! Aiuto!
RON: Ehi! Cervello di gallina!
HERMIONE: Aaah! Aiuto!
HARRY: Oooh! Oooh! Fa' qualcosa!
RON: Cosa?
HARRY: Qualunque cosa! Sbrigati!
HERMIONE: Agitare e colpire.
RON: Wingardium Leviosa. Fico!
HERMIONE: È... morto?
HARRY: No, non credo. L'abbiamo messo al tappeto. Caccole di Troll.
McGRANITT: Oh! Oh, santo cielo! Esi... Esigo una spiegazione da voi due!
HARRY: Beh, vede, noi...
RON: Le cose sono andate...
HERMIONE: È colpa mia professoressa McGranitt.
McGRANITT: Cosa? Signorina Granger...
HERMIONE: Stavo cercando il Troll. Ho letto sull'argomento e ho pensato di potermela cavare. Ma mi sbagliavo. Se Harry e Ron non fossero venuti a cercarmi, probabilmente sarei morta.
McGRANITT: Pur stando così le cose il tuo è stato un gesto estremamente incosciente. Da te mi sarei aspettata un comportamento più razionale. Mi hai molto deluso signorina Granger. Cinque punti verranno tolti a Grifondoro per la tua grave mancanza di giudizio. Quanto a voi due, signorini, spero vi rendiate conto di essere stati molto fortunati. Non molti studenti del primo anno sanno affrontare un Troll di montagna ed essere in grado di raccontarlo. Cinque punti... verranno assegnati a ognuno di voi. Per la vostra fortuna sfacciata.
RAPTOR: F... fareste meglio ad andare. P... potrebbe svegliarsi. Ah, ah!

RON: Mangia qualcosa, forza.
HERMIONE: Ron ha ragione, Harry, hai bisogno di forze oggi.
HARRY: Non ho fame.
PITON: Auguri per oggi, Potter. Certo dopo aver avuto la meglio su un Troll una partitina di Quidditch dovrebbe essere un giochetto per te. Anche se è contro Serpeverde.
HARRY: Ecco perché il sangue.
HERMIONE: Il sangue?
HARRY: Senti, ieri sera io penso che Piton abbia usato il Troll come diversivo per superare l'ostacolo del cane a tre teste; invece è stato morso. Per questo zoppica.
HERMIONE: Ma perché qualcuno dovrebbe avvicinarsi a quel cane?
HARRY: Il giorno che sono andato alla Gringott, Hagrid ha prelevato una cosa. Ha detto che riguardava Hogwarts, era un segreto.
HERMIONE: Insomma, tu vuoi dire...
HARRY: È la cosa che il cane sorveglia. È la cosa che vuole Piton.
HERMIONE: Un po' presto per la posta, no?
HARRY: Ma io non ricevo mai posta.
RON: Dai, apriamo!
HARRY: È un manico di scopa.
RON: Non è un semplice manico di scopa! È una Nimbus 2000!
HARRY: Ma chi...
BASTON: Paura Harry?
HARRY: Un po'.
BASTON: È normale. Ce l'avevo anch'io alla mia prima partita.
HARRY: Cosa è successo?
BASTON: Io... Non mi ricordo bene. Ho preso un Bolide in testa dopo due minuti, e mi sono risvegliato all'ospedale.
JORDAN: Benvenuti alla prima partita della stagione di Quidditch. Oggi avremo: Serpeverde contro Grifondoro.
HAGRID: Sì!
DEAN: Dai! Forza!
TIFOSI: Forza, forza, Grifondoro! Forza, forza, Grifondoro!
JORDAN: I giocatori si schierano mentre Madama Bumb va a centrocampo per dare inizio all'incontro.
BUMB: Mi raccomando, voglio un gioco pulito. Da tutti voi.
JORDAN: Ecco i Bolidi, seguiti dal Boccino d' Oro. Ricordate: il Boccino vale 150 punti. Il cercatore che acchiappa il Boccino pone fine alla partita. La Pluffa viene liberata e inizia la partita! Angelina Johnson segna! Dieci punti per il Grifondoro!
Dai, dai, Angelina! Dai, dai, Angelina!
HARRY: Sì!
HAGRID: Molto bene!
JORDAN: Serpeverde si impadronisce della Pluffa. Bletchey la passa al capitano Marcus Flitt.
RON: Uuuh!
HARRY: Sì!
JORDAN: E altri 10 punti per il Grifondoro!
HERMIONE: Eeeh! Bravissimi!
MARCUS FLITT: Dammi qua! Va' da quella parte!
DRACO: Sì!

HAGRID: Che gli ha preso alla scopa di Harry?
HERMIONE: È Piton! Getta il malocchio sulla scopa.
RON: Il malocchio sulla scopa? Che cosa facciamo?
HERMIONE: Ci penso io.
RON: Forza, Hermione!
HERMIONE: Lacarnum inflamari.
SPETTATORE: Il fuoco! Lei va a fuoco! Spegnetelo!
HAGRID: Forza! Forza! Forza, forza! Tra poco quello vomita!
JORDAN: Harry Potter conquista 150 punti per il Boccino!
BUMB: Grifondoro vince!
HAGRID: Sì! Sì!
HERMIONE: Uh! Uh!
McGRANITT: Ah, ah!
TIFOSI: Forza, forza, Grifondoro! Forza, forza, Grifondoro! Forza, forza, Grifondoro! Forza, forza, Grifondoro! Forza, forza, Grifondoro! Forza, forza, Grifondoro! Forza, forza, Grifondoro!

HAGRID: Sciocchezze! Perché Piton avrebbe fatto il malocchio alla scopa?
HARRY: Chi lo sa? Perché cercava di superare il cane a tre teste a Halloween?
HAGRID: Chi vi ha parlato di Fuffi?
RON: Fuffi?
HERMIONE: Quel coso ha un nome?
HAGRID: Ma certo che ha un nome. È mio. L'ho comprato da un irlandese che ho conosciuto al Pub l'anno scorso. L'ho prestato a Silente così sorvegliava...
HARRY: Sì?
HAGRID: Non dovevo dirlo. Niente più domande! Non mi fare più domande! È una cosa segretissima.
HARRY: Ma Hagrid, quello che Fuffi sorveglia, Piton sta cercando di rubarlo.
HAGRID: Sono baggianate. Il professor Piton è un insegnante di Hogwarts.
HERMIONE: Oh, sarà pure quello che vuoi, ma riconosco un incantesimo quando lo vedo. So tutto sull'argomento. Devi mantenere il contatto visivo, e lui non sbatteva le palpebre.
HARRY: Esatto.
HAGRID: Ora statemi a sentire, tutti e tre voi: vi state immischiando in cose che non sono fatti vostri. È pericoloso. Quello che il cane sorveglia è una faccenda tra il professor Albus Silente e Nicholas Flamel.
HARRY: Nicholas Flamel?
HAGRID: Non dovevo dirlo. Non dovevo proprio dirlo. Non dovevo dirlo. No. Non dovevo proprio proprio.
HARRY: Nicholas Flamel. Chi è Nicholas Flamel?
HERMIONE: Non lo so.
FANTASUMI: Buon Natale / Buon Natale / Hogwarts ora viva / Buon Natale / Buon Natale...
HARRY: Cavallo in e5.
RON: Regina in e5.
HERMIONE: È una cosa da barbari!
RON: È il gioco degli scacchi dei maghi. Hai fatto i bagagli.
HERMIONE: E tu non li hai fatti.
RON: Cambio di programma. I miei genitori hanno deciso di andare in Romania a trovare mio fratello Charlie. Lui studia i draghi lì.
HERMIONE: Bene, così puoi aiutare Harry. Lui dovrà andare in biblioteca a cercare informazioni su Nicholas Flamel.
RON: Abbiamo cercato centinaia di volte.
HERMIONE: Non nella sezione proibita. Buon Natale, ragazzi.
RON: Abbiamo avuto una cattiva influenza su di lei. Harry svegliati! Dai, Harry, svegliati! Buon Natale, Harry.
HARRY: Buon Natale, Ron. Ma che ti sei messo?
RON: Oh... L'ha fatto mia madre. Anche tu hai ricevuto qualcosa.
HARRY: Ho ricevuto dei regali?
RON: Sì. Eccoli là.
HARRY: Non avevo mai ricevuto dei regali. "Tuo padre me l'aveva affidato prima di morire. È ora che ti sia restituito. Fanne buon uso".
RON: Che cos'è?
HARRY: Una specie di... mantello.
RON: Beh, vediamo come ti sta. Mettilo. Cavolo!
HARRY: Il mio corpo è sparito!
RON: Io lo so che cos'è! È il mantello dell'invisibilità!
HARRY: Sono invisibile?
RON: È rarissimo. Chissà chi te l'ha mandato.
HARRY: Nessun nome. Dice solo... "fanne buon uso".

HARRY: Mangiafuoco famosi, demoni del XV secolo... Dove sei? Flamel... Nicholas Flamel.
GAZZA: Chi c'è? So che sei li dentro... non puoi nasconderti. Chi è? Fatti avanti!
RAPTOR: Severus, io...
PITON: Non ti conviene avermi come nemico, Raptor.
RAPTOR: Non... non so... c... cosa vuoi dire.
PITON: Lo sai perfettamente.
RAPTOR: Eeeh!
PITON: Presto faremo un'altra chiacchieratina. Quando avrai avuto il tempo di decidere a chi devi la tua lealtà.
GAZZA: Professori, ho trovato questa nella Sezione Proibita. È ancora calda, vuol dire che uno studente non è a letto.

HARRY: Mamma? Papà? Ron, devi venire a vedere! Ron, devi venire a vedere! Ron! Ron, avanti, dai, alzati!
RON: Perché?
HARRY: C'è una cosa che devi venire a vedere! Dai, muoviti! Forza, vieni, vieni a vedere i miei genitori.
RON: Io vedo solo noi.
HARRY: Guarda meglio. Dai, mettiti qui. Ecco. Ora li vedi, no? Quello è mio padre.
RON: Sono io! Però sono Caposcuola e ho in mano la coppa del Quidditch, e per la miseriaccia, sono anche il capitano della squadra. Sto una favola! Harry, credi che questo specchio mostri il futuro?
HARRY: Come può essere? I miei genitori sono morti.
SILENTE: Di nuovo qui, Harry? Vedo che tu, come molti altri prima di te, hai scoperto le dolcezze dello Specchio delle Brame. Suppongo che ormai tu abbia capito cosa fa. Voglio darti un indizio. L'uomo più felice della terra guarderebbe nello specchio e vedrebbe solo se stesso, esattamente com'è.
HARRY: Allora lui ci mostra quello che vogliamo, qualunque cosa vogliamo?
SILENTE: Sì e no. Ci mostra solo e soltanto i più profondi e più tormentati desideri del nostro cuore. Ora tu, Harry, che non hai mai conosciuto i tuoi genitori, li vedi lì, accanto a te. Ma ricordati questo, Harry: questo specchio non ci dà né la conoscenza, né la verità. Molti si sono smarriti davanti a lui. Hanno perso il senno. Ed è per questo che domani sarà trasferito in una nuova dimora. E io devo chiederti di non provare a cercarlo nuovamente. Non serve a niente rifugiarsi nei sogni, Harry, e dimenticarsi di vivere.

HERMIONE: Ti ho fatto guardare nella sezione sbagliata, come ho potuto essere così stupida? L'ho preso settimane fa, cercavo una lettura leggera.
RON: Quello sarebbe leggero?
HERMIONE: Ma certo! Eccolo qui: "Nicholas Flamel è l'unico che ha fabbricato la Pietra Filosofale".
HARRY & RON: La cosa?
HERMIONE: Uffa! Ma voi non leggete? "La Pietra Filosofale è una sostanza leggendaria dai poteri sbalorditivi. Può trasformare qualunque metallo in puro oro, e produce l'Elisir di Lunga Vita. Chi lo beve diventa immortale".
RON: Immortale?
HERMIONE: Vuol dire che non muore mai.
RON: Lo so che vuol dire!
HARRY: Shhh!
HERMIONE: "L'unica pietra attualmente esistente appartiene al signor Nicholas Flamel, il noto alchimista, che l'anno scorso ha festeggiato il 665° compleanno". Ecco cosa sorveglia Fuffi al terzo piano. Ecco cosa c'è sotto la botola. La Pietra Filosofale.
HARRY: Hagrid.
HAGRID: Oh, ciao. Scusate, non per essere scortese, ma non ho voglia di vedere gente oggi.
HARRY, HERMIONE & RON: Sappiamo della pietra filosofale.
HAGRID: Oh...
HARRY: Per noi Piton sta cercando di rubarla.
HAGRID: Piton? Perdinci! Non ce l'avrete ancora con lui, eh?
HARRY: Hagrid, sappiamo che vuole la pietra, ma non sappiamo il perché.
HAGRID: Piton è uno degli insegnanti che protegge la pietra, non ci pensa nemmeno a rubarla.
HARRY: Che cosa?
HAGRID: Mi hai sentito. Beh, adesso andate, oggi sono un po' preoccupato.
HARRY: Aspetta, uno degli insegnanti?
HERMIONE: Ma sicuro! Ci sono altre cose che proteggono la pietra... Dico bene? Magie, incantesimi...
HAGRID: Proprio così. Una gran perdita di tempo secondo me. Nessuno riuscirà a tenere buono Fuffi. Nessuno sa come farlo. Solo il sottoscritto e Silente. Questo non dovevo dirvelo. Non dovevo dirvelo. Oh! Oh! Uh! Ah! Uuuh!
HARRY: Ehm... Hagrid, cos'è esattamente?
HAGRID: Questo è un... è un...
RON: Io lo so che cos'è. Ma Hagrid! Dov'è che l'hai preso?
HAGRID: L'ho vinto. A uno straniero che ho conosciuto al Pub. Sembrava contento di liberarsene, per la verità... Oh...
HERMIONE: Questo è... Un drago?
RON: Questo non è un semplice drago. È un dorsorugoso di Norvegia. Mio fratello Charlie li sta studiando in Romania.
HAGRID: Non è un amore? Dio lo benedica, guardate, riconosce la mamma. Eh, eh! Ciao, Norberto.
HARRY: Norberto?
HAGRID: Sì, beh, deve pure avere un nome, no? Non è vero, Norberto, eh? Ti-ti-ti-ti-ti-ti... Uuuh! Ha bisogno di un po' di addestramento, eh! Quello chi è?
HARRY: Malfoy.
HAGRID: Oddio.
HARRY: Hagrid ha sempre desiderato un drago. Me l'ha detto quando ci siamo conosciuti.
RON: È pazzesco. E, peggio ancora, Malfoy lo sa.
HERMIONE: Non capisco. È così grave?
RON: È un guaio.
McGRANITT: Buona sera. Nulla, ripeto, nulla dà a uno studente il diritto di girovagare per la scuola di notte. Perciò, come punizione per le vostre azioni Vi saranno tolti cinquanta punti.
HARRY: Cinquanta?
McGRANITT: A testa. E per essere certi che non càpiti più tutti e quattro sarete messi in castigo.
DRACO: Scusi, professoressa, forse ho sentito male. Per caso ha detto "tutti e quattro"?
McGRANITT: No, mi hai sentito benissimo, signor Malfoy. Vedi, per quanto nobili fossero le tue intenzioni, anche tu eri fuori stanza oltre l'orario. Ti unirai ai tuoi compagni in castigo.

GAZZA: Peccato, hanno tolto di mezzo le vecchie punizioni. Quando ti mettevano in castigo ti ritrovavi nei sotterranei appeso per i pollici, ih, ih! Dio, quanto mi mancano quelle urla. Il castigo lo passerete con Hagrid, stasera. Ha un certo lavoretto da fare nella foresta proibita. Una combriccola penosa, Hagrid. Ah, buon Dio, non dirmi che ancora te la prendi per quel maledetto drago.
HAGRID: Norberto non c'è più. Silente lo ha spedito in Romania. Vivrà in una colonia.
HERMIONE: Ma questo è un bene, no? Starà con la sua stessa specie.
HAGRID: Sì, ma se poi non gli piace la Romania? Se gli altri draghi gli fanno i dispetti? È solo un cucciolo dopotutto...
GAZZA: Ah, per amor del cielo, cerca di tornare in te stesso, via. Devi andare nella foresta, insomma. Devi avere prontezza di spirito.
DRACO: La foresta? Credevo fosse uno scherzo. Non possiamo andarci. È vietato agli studenti E... e ci sono... i lupi mannari...
GAZZA: Ah, c'è peggio dei lupi mannari tra quegli alberi. Puoi starne certo. Notte notte.
HAGRID: Bene. Andiamo.
HARRY: Hagrid, che cos'è?
HAGRID: Perciò siamo qui. Vedi questo? È sangue di unicorno. Eh, sì. Ne ho trovato uno morto qualche settimana fa. Ora, questo è stato ferito gravemente da qualcosa. Perciò è nostro compito cercare quella povera bestia. Ron, Hermione, voi venite con me.
RON: Va bene.
HAGRID: Harry, tu andrai con Malfoy.
DRACO: Va bene, allora prendo Thor.
HAGRID: D'accordo, ma ti avverto: è un gran vigliacco.
DRACO: Aspetta che lo venga a sapere mio padre! Questa è roba da domestici!
HARRY: Se non ti conoscessi bene, Draco, direi che hai una gran fifa.
DRACO: Fifa, Potter? Hai sentito? Andiamo, Thor. Fifa...
HARRY: Cosa c'è, Thor?
DRACO: Aaah! Aaah!
FIORENZO: Harry Potter, devi andare via. Molte creature ti conoscono qui. La foresta non è un luogo sicuro a quest'ora. Specialmente per te.
HARRY: Ma co... cos'era quell'essere da cui mi hai salvato?
FIORENZO: Una creatura mostruosa. È un crimine orribile uccidere un unicorno. Bere il sangue di un unicorno ti tiene in vita anche se sei a un passo dalla morte. Ma ad un prezzo spaventoso. Hai ucciso una cosa purissima. E dal momento che il suo sangue tocca le tue labbra, vivrai una vita a metà. Una vita dannata.
HARRY: Ma chi sceglierebbe una vita così?
FIORENZO: Non ti viene in mente nessuno?
HARRY: Intendi dire... che quell'essere che ha ucciso l'unicorno e che beveva il suo sangue, quello era Voldemort?
FIORENZO: Sai cosa è nascosto nella scuola in questo preciso momento, signor Potter?
HARRY: La pietra filosofale.
HERMIONE: Harry!
HAGRID: Salve, Fiorenzo. Hai conosciuto il nostro signor Potter. Tutto bene lì, Harry?
HARRY: Hm-hm.
FIORENZO: Harry Potter, qui io ti lascio. Sei al sicuro ora. Buona fortuna.

HERMIONE: Vuoi dire che Tu-sai-chi in questo momento è là fuori nella foresta?
HARRY: Ma è debole. Deve bere il sangue degli unicorni. Non capite? Ci eravamo sbagliati. Piton non vuole la Pietra per sé. La vuole rubare per Voldemort. Con l'Elisir di Lunga Vita, Voldemort ridiventerà forte e... e tornerà.
RON: Ma se torna, tu non credi che cercherà di... ucciderti, vero?
HARRY: Se avesse potuto, avrebbe cercato di uccidermi stanotte.
RON: E pensare che ero tutto preoccupato per l'esame di pozioni.
HERMIONE: Fermi un momento! Ci stiamo dimenticando di una cosa: chi è l'unico mago che Voldemort ha sempre temuto? Silente. Finché Silente sarà qui, Harry, tu sei salvo. Finché sarà pronto ad aiutarti, tu non puoi essere toccato. Ho sempre sentito dire che gli esami finali a Hogwarts erano spaventosi, invece io li ho trovati piacevoli.
RON: Parla per te, per favore. Tutto bene, Harry?
HARRY: La cicatrice. Non fa che bruciarmi.
HERMIONE: Non è la prima volta.
HARRY: Ma non così.
RON: Forse dovresti farti vedere.
HARRY: Secondo me è un avvertimento. Significa pericolo in vista. Ah! Oooh! Ma certo!
HERMIONE: Cosa c'è?
HARRY: Non vi sembra un po' curioso che quello che Hagrid desidera di più sia un drago? E che si presenti uno sconosciuto che per caso ne ha uno? Quante persone vanno in giro con un uovo di drago in tasca? Perché non ci ho pensato prima? Hagrid, chi ti ha dato l'uovo di drago? Come era fatto?
HAGRID: Non lo so, non l'ho mai visto in faccia. Teneva il cappuccio.
HARRY: Ma con quello straniero ci dovrai aver parlato.
HAGRID: Beh, lui... voleva sapere di che genere di creature mi occupavo. Gliel'ho detto, ho detto: dopo Fuffi, eh, un drago non sarà un problema.
HARRY: Sembrava interessato a Fuffi?
HAGRID: Ma certo che era interessato a Fuffi. Non ti capita spesso di incrociare un cane a tre teste anche se sei del mestiere. Ma gliel'ho detto, e ho detto, ho detto, il trucco con ogni bestia è sapere come calmarla. Prendi Fuffi per esempio. Gli basta un po' di musica e si addormenta come un ghiro. Non dovevo dirvelo... Dove andate? Dove...
HARRY: Dobbiamo vedere il Professor Silente! Immediatamente!
McGRANITT: Temo che il Professor Silente non sia qui. Ha ricevuto un gufo urgente dal Ministero della Magia, ed è partito subito per Londra.
HARRY: È partito? Adesso? Ma è una cosa importante. Si tratta della Pietra Filosofale.
McGRANITT: Come sapete...
HARRY: Qualcuno tenterà di rubarla.
McGRANITT: Non so come voi tre sappiate della Pietra, ma vi assicuro che è protetta benissimo. Ora tornate nei vostri dormitori. In silenzio.
HARRY: Non era uno straniero che Hagrid ha incontrato al villaggio. Era Piton, vuol dire che lui sa come eludere Fuffi.
HERMIONE: E con Silente che è partito...
PITON: Buon pomeriggio. Allora, tre giovani Grifondoro come voi cosa ci fanno al chiuso in una giornata come questa?
HERMIONE: Ah... Noi.. Noi stav...
PITON: Dovete fare attenzione. Si potrebbe pensare che tramiate qualcosa.
HERMIONE: Ora che facciamo?
HARRY: Scendiamo nella botola. Stanotte.

HARRY: Oscar.
RON: Oscar, shhh! Via, non dovresti stare qui.
NEVILLE: Neanche voi dovreste. Uscite di nuovo di nascosto, vero?
HARRY: No, Neville, ascolta. Noi dob... dobbia...
NEVILLE: No, io non ve lo permetto! Metterete Grifondoro nei guai un'altra volta. I... I... Io... Io vi prendo a pugni.
HERMIONE: Neville, scusami, scusami tanto, ti prego. Petrificus Totalus!
RON: Qualche volta sei un po' terrificante. Lo sai, sì? Bravissima, ma terrificante.
HARRY: Andiamo. Scusa.
HERMIONE: Scusa.
RON: È per il tuo bene.
HERMIONE: Ahi! Mi hai pestato il piede.
RON: Scusa.
HERMIONE: Alohomora.
HARRY: Un momento. Sta... Russando. Piton è già stato qui. Ha fatto un incantesimo all'arpa.
RON: Oh! Ha un alito spaventoso.
HARRY: Dobbiamo spostare la zampa.
RON: Cosa?
HARRY: Muoviamoci!
HARRY: Pronti? Spingete! Vado prima io. Non seguitemi finché non vi do il segnale. Se succede qualcosa di brutto datevela subito a gambe. Non vi sembra troppo... silenzioso?
HERMIONE: L'arpa. Ha smesso di suonare.
RON: Ah! Che schifo!
HARRY: Saltate! Via!
RON: Aaah! Wow! Per fortuna che c'è questa specie di pianta.
HARRY: Fortuna?
HERMIONE: State fermi, tutti e due. Questo è il Tranello del Diavolo. Dovete stare calmi, altrimenti vi ucciderà più in fretta.
RON: Ucciderci più in fretta? Ah, ora sì che posso stare calmo!
HARRY & RON: Hermione!
RON: E ora che facciamo?
HERMIONE: State calmi.
HARRY: Hermione, dove sei?
HERMIONE: Fate come vi dico, fidatevi.
RON: Aaah! Harry! Harry!
HERMIONE: Stai bene?
HARRY: Sì, si, sto bene.
RON: Aiuto!
HERMIONE: Non sta calmo o sbaglio?
RON: Aiuto!
HARRY: A quanto pare no.
HERMIONE: Devo fare qualcosa.
HARRY: Ma cosa?
HERMIONE: Eh... Ricordo di aver letto una formula a Erbologia.
RON: Aiuto! Aiuto!
HERMIONE: Ehm... Tranello del Diavolo / Tranello del Diavolo / è uno spasso mortale / ma il sole gli fa male. Ma certo! Il Tranello del Diavolo odia la luce del sole. Lumos Sole.
RON: Aaah!
HERMIONE: Come va?
HARRY: Ron, stai bene?
RON: Si, bene.
RON: Per fortuna eravamo calmi.
HARRY: Per fortuna Hermione si è applicata a Erbologia.
HERMIONE: Che cos'è?
HARRY: Non lo so. Sembra un battito d'ali.

HERMIONE: Curioso. Non ho mai visto uccelli così.
HARRY: Non sono uccelli, sono chiavi. E scommetto che una apre quella porta.
HERMIONE: Che cosa significa?
HARRY: Non lo so. Che strano.
RON: Alohomora! Beh, almeno ci ho provato.
HERMIONE: E ora che facciamo? Ci saranno migliaia di chiavi lassù.
RON: A noi serve una grossa. Vecchio tipo. Forse arrugginita come la maniglia.
HARRY: Eccola! La vedo! Quella con l'ala spezzata.
HERMIONE: Che cos'hai, Harry?
HARRY: È troppo semplice.
RON: Oh, avanti, Harry. Se Piton l'ha presa con quella vecchia scopa, puoi farlo anche tu. Sei il più giovane Cercatore del secolo. Questo complica un po' le cose.
HARRY: Prendete la chiave!
RON: Sbrigati!
HERMIONE: Forza, Harry, più in fretta!
HERMIONE: La cosa non mi piace. Non mi piace affatto.
HARRY: Dove siamo? In un cimitero?
RON: Questo non è un cimitero. È una scacchiera.
HARRY: Lì c'è la porta.
HERMIONE: Adesso che facciamo?
RON: È ovvio no? Dobbiamo attraversare la sala giocando. Allora. Harry, tu prendi il posto vuoto dell'Alfiere. Hermione, tu invece dovrai essere la Torre. Quanto a me, io farò il Cavallo.
HERMIONE: Che succede adesso?
RON: Beh, i bianchi muovono per primi e poi... Giochiamo.
HERMIONE: Ron, non vorrai dirci che sarà come giocare... veramente agli scacchi dei maghi, o si?
RON: Tu laggiù, d5! Sì, Hermione. Credo che questo sarà... esattamente come gli scacchi dei maghi. Torre in e4! Pedone in c3!

HARRY: Aspetta un momento.
RON: Hai capito, vero, Harry? Una volta fatta la mia mossa, la Regina mi mangerà. Così darete scacco matto al Re.
HARRY: No, Ron, no!
HERMIONE: Cosa c'è?
HARRY: Ha deciso di sacrificarsi!
HERMIONE: No, non puoi! Dev' esserci un altro modo!
RON: Volete evitare che Piton prenda la pietra o no? Harry, sei tu quello che deve continuare, lo so! Non io, non Hermione. Tu. Cavallo in h3. Scacco. Aah!
HARRY: Ron! No! Non ti muovere! Non dimenticare: stiamo ancora giocando. Scacco matto! Occupati di Ron. Poi va' alla voliera dei gufi. Manda un messaggio a Silente. Ron ha ragione. Devo continuare.
HERMIONE: Andrà tutto bene, Harry. Tu sarai un grande mago. Dico davvero.
HARRY: Non quanto te.
HERMIONE: Io? Furbizia e tanti libri. Ci sono cose più importanti: amicizia e coraggio. Harry, fa' attenzione.

HARRY: Lei? N... no, non può essere! Piton, era... era lui che...
RAPTOR: Si, lui sembra il tipo giusto, vero? Con lui in giro, chi sospetterebbe del p... p... p... povero b... b... balbettante professor Raptor?
HARRY: Ma... ma quel giorno, durante la partita di Quidditch, Piton ha cercato di uccidermi.
RAPTOR: No, caro mio, io ho cercato di ucciderti. E credimi, se il mantello di Piton non avesse preso fuoco, interrompendo il mio contatto visivo, io ci sarei riuscito. Anche con Piton che borbottava le sue contromaledizioni.
HARRY: Piton stava cercando di salvarmi?
RAPTOR: Sapevo che eri un pericolo per me fin dall'inizio. Specialmente dopo Halloween.
HARRY: Allora lei ha fatto entrare il Troll.
RAPTOR: Che bravo, Potter, sì. Ma Piton sfortunatamente non ci è cascato. Mentre gli altri correvano verso i sotterranei è andato al terzo piano per intercettarmi. Ed è ovvio che non si è più fidato di me. Non mi lasciava quasi mai solo. Ma lui non capisce. Io non sono mai solo. Mai. Allora, cos'è che fa questo specchio? Vedo quello che desidero? Mi vedo con in mano la Pietra. Ma come la prendo?
VOLDEMORT: Usa il ragazzo.
RAPTOR: Vieni qui, Potter! Sùbito! Dimmi, che cosa vedi? Cosa c'è? Cosa vedi?
HARRY: Sto... sto stringendo la mano a Silente. Ho vinto la coppa delle case, vedo.
VOLDEMORT: Mente.
RAPTOR: Dì la verità! Cosa vedi?
VOLDEMORT: Fa' parlare me con lui.
RAPTOR: Padrone, non ne avete la forza.
VOLDEMORT: Ho abbastanza forza per quesssto. Harry Potter, ci rivediamo.
HARRY: Voldemort.
VOLDEMORT: Sì. Vedi cosa sono diventato? Vedi cosa devo fare per sopravvivere? Vivere a spese di un altro. Sono un parassita. Il sangue di unicorno riesce a rinvigorirmi. Ma non può darmi un corpo tutto mio. Ma c'è una cosa che lo può fare. Una cosa che, quando si dice la sorte, sta nella tua tasca.

VOLDEMORT: Fermalo! Non fare l'idiota. Perché andare incontro a una morte orripilante, quando puoi unirti a me e vivere?
HARRY: Mai!
VOLDEMORT: Ah, ah, ah! Il coraggio. Ce l'avevano anche i tuoi. Dimmi, Harry. Ti piacerebbe rivedere tuo padre e tua madre? Insieme, possiamo farli tornare. Ti chiedo solo qualcosa in cambio. Si, così, Harry. Non esiste il bene e il male. Esiste solo il potere. E quelli troppo deboli per averlo. Insieme faremo cose straordinarie. Avanti, dammi la Pietra.
HARRY: Bugiardo!
VOLDEMORT: Uccidilo!
RAPTOR: Aaah! Aaah! Aaah! Cos'è questa magia?
VOLDEMORT: Idiota, prendi la Pietra!
RAPTOR: Aaah! Aaah!

SILENTE: Buon pomeriggio, Harry. Ah... Doni... dei tuoi ammiratori?
HARRY: Ammiratori?
SILENTE: Quello che è accaduto nei sotterranei fra te e il professor Raptor è segretissimo. Perciò, naturalmente, tutta la Scuola lo sa. Ah, vedo che il tuo amico Ronald ti ha risparmiato la fatica di scartare le tue cioccorane.
HARRY: Ron era qui? Sta bene? E Hermione?
SILENTE: Bene, stanno bene tutti e due.
HARRY: Ma dove è finita la Pietra?
SILENTE: Calma, ragazzo. La Pietra è stata distrutta. Il mio amico Nicholas e io abbiamo fatto una chiacchierata e abbiamo deciso che era meglio per tutti.
HARRY: Ma così Flamel morirà, vero?
SILENTE: Ha sufficiente elisir per sistemare i suoi affari. Però, sì, morirà.
HARRY: Come ho fatto ad avere la pietra, signore? Mi stavo fissando nello specchio e tutt'a un tratto...
SILENTE: Ah, vedi, solo una persona che avesse voluto trovare la Pietra... trovarla, ma non usarla, avrebbe potuto prenderla. È stata una delle mie idee più brillanti. Rimanga fra te e me, questo sì che è tutto dire. Eh, eh!
HARRY: Significa che ora che la Pietra è sparita, Voldemort non tornerà mai più?
SILENTE: Ah, ho paura che ci siano altri modi con cui può tornare. Harry, lo sai perché il Professor Raptor non sopportava che tu lo toccassi? A causa di tua madre. Lei si è sacrificata per te. E un atto come questo lascia il segno. No, no. Non è un segno visibile. Ti resta dentro, nella pelle.
HARRY: Che cos'è?
SILENTE: L'amore, Harry. L'amore. Ah, gelatine. Tuttigusti+1. Sono stato molto sfortunato da giovane: ne ho trovata una al gusto di vomito. E da allora, per me hanno perso ogni attrattiva. Ma credo che andrei tranquillo con una caramella mou. Hm... Ahimé... cerume.

HARRY: Tutto bene, Ron?
RON: Tutto bene, e tu?
HARRY: Tutto bene. Hermione?
HERMIONE: Mai stata meglio.
SILENTE: Un altro anno è passato. Ora, se ho ben capito, va assegnata la Coppa delle Case. La classifica è la seguente:
al quarto posto, Grifondoro con 312 punti. Al terzo posto, Tassorosso, con 352 punti. Al secondo posto, Corvonero, con 426 punti. E al primo posto, con 472 punti, Serpeverde!
SERPEVERDE: Yeeh!
SILENTE: Sì, sì, complimenti Serpeverde. Complimenti. Tuttavia, alcuni recenti avvenimenti vanno presi in considerazione. E ho alcuni punti dell'ultimo minuto da assegnare. Alla signorina Hermione Granger, per il lucido uso dell'intelletto, mentre altri erano in grave pericolo, cinquanta punti.
HARRY: Molto bene.
SILENTE: Secondo, al signor Ronald Weasley, per la migliore partita a scacchi che Hogwarts abbia visto da molti anni,
cinquanta punti. E terzo, al signor Harry Potter, per il suo sangue freddo e l'eccezionale coraggio, attribuisco al Grifondoro sessanta punti.
HERMIONE: Alla pari con Serpeverde!
SILENTE: E infine, occorre notevole ardimento per affrontare i nemici. Ma ancora di più per affrontare gli amici. Attribuisco dieci punti a Neville Paciock.
GRIFONDORO: Sì!
SILENTE: Presumendo che i miei calcoli siano esatti, sono del parere che un cambio di decorazioni è opportuno. Grifondoro vince la Coppa delle Case.
HAGRID: E vai! E vai.
JORDAN: Sì, è fatta!
SEAMUS: Abbiamo vinto! Abbiamo vinto!

HAGRID: Su, avanti. Sbrigatevi o farete tardi. Il treno parte. Forza, forza! Coraggio, muoversi!
HERMIONE: Forza, Harry.
HARRY: Un momento.
HAGRID: Pensavi di andartene senza salutare, eh? Questo è per te.
HARRY: Grazie, Hagrid.
HAGRID: Coraggio, ora vai. Vai, su. Vai. Ah, senti, Harry. Se quello scemo di tuo cugino Dudley ti da qualche seccatura, puoi sempre minacciarlo di fargli spuntare un paio di orecchie tipo la sua coda.
HARRY: Ma, Hagrid, non ci è permesso fare magie lontano da Hogwarts. Lo sai bene.
HAGRID: Io sì, ma tuo cugino no, giusto? Eh?
HERMIONE: Sembra strano tornare a casa, non ti pare?
HARRY: Quella non è casa mia. Non proprio.
Creative Commons License








Info
Stai guardando TID 313
(EID 3 - REV 0 By Stefano_Draems)
January 1, 1970

R0

36610 visualizzazioni

Modifica