Il significato e la mitologia dell'oro in Harry Potter

    Pagina Catalogata come Supposizioni, teorie, approfondimenti

Testo tradotto (italiano)
Testo originale (inglese)

SINONIMI: The meaning and mythology of gold in Harry Potter
Questo contenuto esclusivo scritto da J.K.Rowling su Pottermore descrive la ricorrenza e l'importante del tema dell'Oro in Harry Potter


Torna in cima





Testo tradotto (italiano) link



Per noi Babbani, l'oro è soprannaturale, potente e simbolico. Non c'è da meravigliarsi che sia altrettanto interessante e misterioso per quelli del mondo magico ...

Il significato e la mitologia dell'oro in Harry Potter Harry Potter - PotterPedia.it


Gli antichi egiziani credevano che l'oro fosse divino e indistruttibile. Nel folklore moderno, è il possesso prezioso di ogni drago. Nella sua forma più pura, l'oro significa verità e onestà, ma anche avidità, controllo, bisogni superficiali e stravaganza. In Harry Potter, il tema dell'oro è ricorrente, dalla moneta magica, allo sfarzo del Boccino d’Oro.
Continua a leggere per sapere come l'oro continua ad apparire nella serie Harry Potter e cosa potrebbe significare ...


La Banca Gringott


Dalla Pietra Filosofale alla Coppa di Tosca Tassorosso, la Gringott è dove i misteri vengono nascosti, e noi scommettiamo che ci sia abbastanza oro bloccato in alcune di queste camere blindate. La banca ha anche un drago, cosa molto adatta. Nella mitologia greca i draghi erano noti come protettori del metallo prezioso.
Ladon era una creatura simile a un drago che, ad esempio, custodiva le mele d'oro. C'era anche il racconto del Vello d'oro, un pezzo prezioso ricercato da Jason e dagli Argonauti. E sì, hai indovinato: è stato custodito da un grande dragone che non dormiva mai.
Ogni volta che viene menzionata la Gringott, c'è la più ovvia interpretazione dell'oro - valuta, ricchezza e successo. Naturalmente, come con qualsiasi cosa, l'eccesso porta l'oscurità. Nei corridoi pieni d'oro della Gringott, i goblin stessi sono ossessionati dall’oro e farebbero di tutto per proteggerlo Ciò porta ad un ambiente abbastanza ostile, tra cui la crudeltà al drago che custodisce le più importanti nelle camere di sicurezza.

All'inizio del viaggio di Harry, le porte della Gringott sono aperte da goblin che indossano uniformi di scarlatto e oro, e alla fine, lo scarlatto e l'oro vengono ripetute in modo molto più macabro dopo la rabbia di Voldemort. Unci unci, avendo scelto l'avidità e la spada di Grifondoro, incontra il suo sgradevole destino durante il massacro alla Gringott. Qui l'oro è gettato sui pavimenti è un avvertimento - sempre in moderazione, mai con avidità.

La Pietra Filosofale


L'oro è strettamente legato alla leggenda della Pietra Filosofale quanto lo è alla banca Gringott. Un mito che circonda la Pietra Filosofale era la sua capacità di trasformare in oro i metalli banali. Era l'ultimo mo per “diventare ricchi facilmente”. E il fatto che la pietra possa essere utilizzata per estendere la vita di una persona è, per molti versi, un'occasione d'oro, come ha scoperto Nicolas Flamel.

L'avidità dell'oro


Dalla banca Gringott ai tre denti dorati di Rita Skeeter, il lato oscuro dell'oro viene cosparso in tutto il mondo magico. Quando incontriamo per la prima volta Dudley Dursley, strappa avidamente la carta da imballaggio da un orologio d'oro, richiedendo più regali e sappiamo immediatamente il tipo di persona che sarà.
Il lato debole e avido della ricerca dell'oro è anche rapidamente assegnato al professor Gilderoy Allock e ai suoi capelli dorati. Infatti, Gilderoy fa sempre qualcosa con un piccolo scintillo d'oro, come il suo cappello turchese con ornamenti d'oro, la piccola carta d'oro che ha inviato Hermione e gli indimenticabili "Cupidi" con ali d'oro.
Quando si tratta di dispositivi magici che possono portare alla caduta di una strega o di un mago, l'oro segna il punto. Lo specchio di Iredised è un grande esempio: è circondato da lettere d'oro e ci vuole la saggezza di Silente a guidare Harry lontano dalle sue profonde tentazioni. E le statue d'oro di maghi e streghe nel salone d'ingresso al Ministero della Magia sono un testimone della cupidigia e della vanità del mondo magico.
Allora, naturalmente, c'è Voldemort e la sua avidità. L'avidità per il controllo, la vita e il prestigio. Il medaglione d'oro di Serpeverde diventa uno dei suoi primi Horcrux ed è presto seguita dalla Coppa di Tosca Tassorosso, l'anello d’ oro pesante che appartiene a Orvoloson Gaunt e al diadema Corvonero.

La saggezza d'oro


Nella tradizione egiziana, l'oro è associato al faraone, una parola che indica "governatore" o "grande casa". Dalla prima volta che incontriamo Silente è associato a queste qualità d'oro: il suo orologio da tasca d'oro, la grande sedia d'oro di Hogwarts, il lungo filo d'oro emanato dalla sua bacchetta la prima volta che lo vediamo usarla - ogni aspetto rivela a qualcuno che è forte, saggio e fedele alle sue credenze. Silente è sempre associato all'oro, ma in un modo che sottolinea la sua forza di carattere, la pazienza inesorabile e l'attenzione completa sul suo obiettivo per aiutare Harry a sconfiggere Voldemort.

Lampi brillanti d'oro


L'oro ha una presenza così forte nel mondo magico. Pensate al Quidditch, con i suoi anelli dorati e il Boccino d'oro - se mai c'è stato uno sport che ha catturato il cuore di Harry, questo lo è stato. È il lato caldo e invitante dell'oro che ispira la speranza. È anche alla Coppa del Mondo di Quidditch, dove incontriamo prima l'oro del Lepricani e questo oro falso imposta il tono per il tema che domina Harry Potter e il Calice di Fuoco.

Il calice è d’oro, la linea dell’ età che impedisce ai maghi di entrare è d’oro, le bacchette sperimentate per la competizione emettono scintille d'oro, c'è l'uovo d'oro e infine la sventurata Coppa TreMaghi che emette luce dorata. Un altro significato simbolico dell'oro è l'aspirazione alla grandezza - la caccia al tesoro può essere trovata in tutta la mitologia greca e ogni storia ha un significato mitico e una morale. La Coppa TreMaghi è tanto la ricerca di un eroe alle risposte quanto è una concorrenza magica.

Il significato e la mitologia dell'oro in Harry Potter Harry Potter - PotterPedia.it


Anche nel mondo delle Pozioni, l'oro gioca un ruolo importante anche. La Pozione Polisucco di Harry volge all'oro - rafforzando nuovamente le qualità di leadership eroiche che possiede - e la bottiglia di Felix Felicis che vince è anch’essa di un colore dorato mozzafiato. È grazie a questa piccola bottiglia che ottiene le informazioni essenziali del professor Lumacorno sugli Horcrux di Voldemort. Poi c’è Hogwarts. Un luogo di apprendimento e di magia, di misteri e di insegnamento di mitologie, e del mondo in cui Harry si trasforma da orfano a eroe. All'inizio ci vengono presentate le sue associazioni all’oro attraverso piatti e calici, e i colori rosso e oro di Grifondoro. È anche noto che l'oro è associato alla condivisione della saggezza e della conoscenza: è un colore perfetto per il luogo in cui le streghe e i maghi apprendono il loro “mestiere”. Interessante, lo scarlatto e l'oro sono i colori della Gringott, del Grifondoro e di Fanny, la fenice. Anche il colore del cielo incantato nella Sala Grande ha una "scintilla rossa" quando Harry affronta Voldemort per l'ultima volta.




Torna in cima

Testo originale (inglese) link



To us Muggles, gold is supernatural, powerful and symbolic. No wonder it is just as interesting and mysterious to those in the wizarding world…

The Ancient Egyptians believed gold to be divine and indestructible. In modern folklore, it is the prized possession of every dragon. In its purest form, gold means truth and honesty, but also greed, control, shallow needs and extravagance. In Harry Potter, the theme of gold runs deep, right down to the wizarding currency, and the glimmer of a Golden Snitch.
Read on to learn how gold constantly pops up in the Harry Potter series, and what it could all mean…
Gringotts bank
From the Philosopher’s Stone to the Hufflepuff Cup, Gringotts is where the mysteries are secreted away, and we’d wager that there’s quite a lot of gold locked in some of those vaults. The bank even has a dragon, which is fitting. In Greek mythology, dragons were notorious as protectors of the precious metal.
Ladon was a dragon-type creature who guarded golden apples, for example. There was also the tale of the Golden Fleece, a precious item famously sought after by Jason and the Argonauts. And yes, you’ve guessed it: it was guarded by a big, unsleeping dragon.
In every mention of Gringotts, there is the most obvious interpretation of gold — currency, wealth and success. Of course, as with anything, excess brings darkness. In the gold-filled hallways of Gringotts the goblins themselves are obsessed with gold and will go to any lengths to protect it. This leads to a pretty hostile environment, including cruelty to the dragon who guards the extra top security vaults.

At the beginning of Harry’s journey, Gringotts doors are opened by goblins wearing uniforms of scarlet and gold, and at the end, the scarlet and gold is repeated in a far more macabre fashion in the aftermath of Voldemort’s rage. Griphook, having chosen greed and the Sword of Gryffindor, meets his unpleasant fate during the Gringotts slaughter. Here the gold littering the floors is a warning — always in moderation, never with greed.
The Philosopher’s Stone
Gold is as closely linked to the legend of the Philosopher’s Stone as it is to Gringotts bank. One myth surrounding the Philosopher’s Stone was its ability to turn mundane metals into gold. It was the ultimate get-rich-quick scheme. And the fact that the stone can be used to extend a person’s life too is, in many ways, a golden opportunity, as Nicolas Flamel discovered.

The greed of gold
From Gringotts bank to Rita Skeeter’s three golden teeth, the dark side of gold is sprinkled all over the wizarding world. When we first meet Dudley Dursley he is greedily tearing the wrapping paper off a gold watch while demanding more presents, and we instantly know the kind of person he is going to be.
The weak and greedy side of the pursuit of gold is also quickly assigned to none other than Professor Gilderoy Lockhart and his golden hair. In fact, Gilderoy is always doing something with a little gold flash, like his turquoise hat with gold trim, the little gold card he sent Hermione, and the unforgettably surly 'Cupids' with gold wings.
When it comes to magical devices that can lead to a witch or wizard’s downfall, gold marks the spot. The Mirror of Erised is a great example — it is surrounded by gold lettering and it takes Dumbledore’s wisdom to guide Harry away from its tempting depths. And the golden statues of wizards and witches in the entrance hall to the Ministry of Magic are a testament to the hubris and vanity of the wizarding world.
Then, of course, there is Voldemort and his greed. Greed for control, life and prestige. The gold Slytherin locket becomes one of his first Horcruxes and is soon followed by the Hufflepuff Cup, the heavy gold ring that belongs to Marvolo Gaunt and the Ravenclaw diadem.

The wisdom of gold
In Egyptian lore, gold is associated with the pharaoh, a word that translates to mean ‘ruler’ or ‘great house’. From the first time we meet Dumbledore he is associated with these golden qualities — his gold pocket watch, the large golden chair at Hogwarts, the long thread of gold issuing from his wand the first time we see him use it — every aspect points to someone who is strong, wise and true to his beliefs. Dumbledore is always associated with gold, but in a way which emphasises his strength of character, unending patience and complete focus on his goal to help Harry defeat Voldemort.
Brilliant flashes of gold
Gold has such a strong presence in the wizarding world. Think of Quidditch, with its golden hoops and Golden Snitch — if ever there was a sport that captured Harry’s heart, this was it. It is the warm and inviting side of gold that inspires hope. It is also at the Quidditch World Cup where we first encounter leprechaun gold, and this fake gold sets the tone for the theme that dominates Harry Potter and the Goblet of Fire.
The goblet is gold, the Age Line preventing underage wizards from entering is gold, the wands tested for the competition emit gold sparks, there’s the golden egg and, finally, the ill-fated Triwizard Cup, which emits golden light. Another symbolic meaning of gold is the aspiration to greatness — the hunt for treasure can be found throughout Greek mythology and each story had a mythical meaning and a moral. The Triwizard Cup is as much a hero’s search for answers as it is a magical competition.

In the potion world, gold plays an important role too. Harry’s Polyjuice Potion turns to gold — once again reinforcing the heroic leadership qualities he possesses — and the bottle of Felix Felicis he wins is also a stunning golden colour. It is thanks to this little bottle that he gets essential information from Professor Slughorn about Voldemort’s Horcruxes.
Then there is Hogwarts. A place of learning and magic, of mysteries and taught mythologies, and the world where Harry transforms from orphan to hero. At the start we are introduced to its golden associations through plates and goblets, and the gold and scarlet colours of Gryffindor. It is also notable that gold is associated with the sharing of wisdom and knowledge — it’s a perfect colour for the place where witches and wizards learn their trade.
Interestingly, scarlet and gold are the colours of Gringotts Bank, Gryffindor and Fawkes the phoenix. Even the colour of the enchanted sky in the Great Hall is a 'red-glow burst' as Harry faces Voldemort for the last time.








Info
Stai guardando TID 5608
(EID 46 - REV 0 By Marina_Lightwood)
August 12, 2017

R0

3885 visualizzazioni

Modifica