Love and Death in Harry Potter by Paul Spilsbury

    Pagina Catalogata come Supposizioni, teorie, approfondimenti

Proveniente da ricerca Bill - Vedi alternative


Love and death are major themes in J.K.Rowling’s Harry Potter books. She herself has said in a recent interview in WEB LINKrecent interview in The Tatler magazine that “My books are largely about death.” And in Harry Potter and the Half-Blood Prince, one of WEB LINKJ.K. Rowling's chosen spokespersons, Professor Dumbledore, impresses upon Harry that his “ability to love” is “[t]he only protection that can possibly work against the lure of power like Voldemort's.” (HBP23).

At the very beginning of the story we hear that Harry’s parents have died, and in due course both we and Harry learn that they were murdered. The shadow of death hangs over Harry; he learns that he, too, was intended to be a victim, but spared in a way no-one can explain. He narrowly escapes death again at the close of the first two books (The Philosopher’s Stone and The Chamber of Secrets), and the third (The Prisoner of Azkaban) is concerned with his pursuit by an escaped murderer. At the end of the fourth book (The Goblet of Fire), a school-friend is killed before his eyes, and he himself barely escapes again. In the fifth book (The Order of the Phoenix) he loses his newly regained godfather, and in the sixth (The Half-Blood Prince) even his great and seemingly indestructible mentor, Dumbledore. Yes, death is a constant visitor to Harry’s world.

Rowling offers a number of reflections on death and its meaning. First and foremost, it is irreversible. “‘No spell can reawaken the dead,’” Dumbledore tells Harry and Sirius after the death of Cedric (GF36). On the other hand, death is not to be feared. When Harry is sad at the thought that, without the Philosopher’s Stone, Nicholas Flamel and his wife must die, Dumbledore assures him that “‘to the well-organised mind, death is but the next great adventure.’” (PS17) Harry finds it hard to come to terms with the fact that his godfather, Sirius, has gone and will not return. He questions one of the ghosts of Hogwarts, who has remained for five centuries after his beheading, but Nearly Headless Nick tells him, sadly, that the only reason he has remained is because he feared death too much, and failed to go on as he should. Because of this, he is “‘neither here nor there.’” (OP38) The wise know that death is not the end. Although Sirius has passed (quite literally, in the story) “beyond the veil,” Harry has a sense that within the mysterious veiled archway there are people hiding and whispering. His friend Luna Lovegood is sure that she will see her mother again (OP35).

At one point, Harry believes that he has seen his father, but it was not so. After an earlier experience of his parents’ last moments, he tells himself sternly, “‘They’re dead and listening to echoes of them won’t bring them back.’” (PA12) Harry has learnt to distinguish wishful thinking from reality. He probably remembers his first-year lesson from Dumbledore, “‘It does not do to dwell on dreams and forget to live.’” (PS12) Now, however, Dumbledore says, “‘You think the dead we loved ever truly leave us? You think we don’t recall them more clearly than ever in times of great trouble? Your father is alive in you, Harry, and shows himself most plainly when you have need of him. . . . You know, Harry, in a way, you did see your father last night. . . . You found him inside yourself.’” (PA22)

In contrast to this hopeful perspective, we have the quest of Tom Riddle (the self-styled Voldemort, the Dark Lord) for immortality. Riddle’s background, fifty years before, was similar to Harry’s — an unloved childhood without parents. But whereas Harry has grown up still capable of love, Riddle has devoted himself to domination of others and, if possible, immunity from death. Through his spokesman, Professor Quirrell, he declares, “‘There is no good and evil, there is only power, and those too weak to seek it.’” (PS17) He calls his followers “Death Eaters,” although there is no hint that he would share immortality with them. He boasts of having “‘gone further than anybody along the path that leads to immortality” (GF33), of the steps he has taken to guard himself against mortal death (GF33). We learn that this is because he has discovered how to split his soul in pieces, and conceal each part in a Horcrux. Every tearing of his soul requires him to commit a murder, taking the life of someone else. To preserve his own life he must deal death to others. (HBP23)

There is a telling exchange between Voldemort and Dumbledore in The Order of the Phoenix:

“You do not seek to kill me, Dumbledore?” called Voldemort. . . . “Above such brutality, are you?”

“We both know that there are other ways of destroying a man, Tom,” Dumbledore said calmly . . .. “Merely taking your life would not satisfy me, I admit — “

“There is nothing worse than death, Dumbledore!” snarled Voldemort.

“You are quite wrong,” said Dumbledore . . . . “Indeed, your failure to understand that there are things much worse than death has always been your greatest weakness.”

(OP36)

What is worse than death is the denial or betrayal of love. This brings us to the second major theme. Harry learns that he escaped death because his parents, and especially his mother, were prepared to die for him. He was always Voldemort’s intended victim. His father, James, was killed trying to give his mother time to escape with her child. His mother, Lily, was even given the chance to stand aside and be spared. She preferred to protect him, and her love at the cost of her life gave Harry the protection that turned the Dark Lord’s curse against himself, robbing him of most of his powers for twelve years (GF33).

Several kinds of human love are depicted in the books — the love of parents for children, of husbands and wives, and of those who will marry one day, the love of friends. Any of these may require the supreme sacrifice. When Peter Pettigrew, the friend yet betrayer of James and Lily Potter, seeks to excuse himself on the grounds that Voldemort would have killed him, Sirius tells him, “‘THEN YOU SHOULD HAVE DIED! . . . DIED RATHER THAN BETRAY YOUR FRIENDS, AS WE WOULD HAVE DONE FOR YOU!’” (PA19) The friendship of Sirius and Lupin and James for Pettigrew would have demanded their self-sacrifice rather than betrayal. That is what love is about.

There are various pairs of “star-crossed lovers” presented to us, and it is the temptations they surmount that proves the reality of their love. Bill Weasley and Fleur Delacour are to be married (despite Bill’s mother’s reservations). When Bill is injured and horribly disfigured fighting the Death Eaters, Molly Weasley thinks Fleur will no longer wish to marry him; but Fleur is not so shallow. Bill has been hurt because he is brave, and, “‘I am good-looking enough for both of us, I theenk.’” (HBP29) Lupin is loved by Nyphadora Tonks despite the fact that he is a werewolf. He has held back from her because of his disability, and because he has not wished to burden someone he feels deserves better. He must learn that love is stronger. Hagrid’s relationship with Madame Maxime looks unpromising, but before Dumbledore’s funeral she throws herself into Hagrid’s arms (HBP30).

We are given insights into the comfortable love of a long-married couple in Arthur and Molly Weasley (in HBP5 she is embarrassed that Harry overhears that she likes her husband to call her “Mollywobbles” in private). But Molly suffers because of her love for her husband and children, fearing for them and in her mind seeing them dead (OP9). Even Petunia Dursley and Narcissa Malfoy love their sons Dudley and Draco, in their own way.

Rowling depicts human love with insight, wit and affection. The growing attraction between Ron and Hermione is one of the principal sub-plots of the series. Neither Harry nor Ron like Hermione much to start with. She is shrill and bossy. But they come to accept her when they have to rescue her — as the author says, “from that moment on, Hermione Granger became their friend. There are some things you can’t share without ending up liking each other . . ..” (PS10) Hermione’s integrity, loyalty and wisdom will enable them to survive greater trials over the years. For some time, Ron is still somewhat dismissive of her work ethic, but he comes to appreciate it as exams approach. When the Yule Ball approaches in the fourth year, and he needs a partner, the penny drops: “‘Hermione, Neville’s right — you are a girl.” (GF22) He even notices that she has had her teeth straightened (GF23). But she has already been asked, and it is his jealousy of Viktor Krum that makes him aware that Hermione means more to him. She is ahead of him: “‘Next time there’s a ball, ask me before someone else does, and not as a last resort!’” (GF23) There are further (fairly comic) estrangements, until Ron is nearly killed, and hearing her voice at his bedside, where she has stood, “clench-jawed and frightened-looking,” he wakes and croaks her name, “‘Er-my-nee.’” (HBP19)

Harry’s own love-life is more subtly recorded. He is friend to Hermione, but Rowling never gives us grounds to suppose this will ever be more than friendship (WEB LINKTLC pt. 2).[*] His first adolescent attraction is to Cho Chang, his opposite number in the opposing House Quidditch team. “Harry couldn’t help noticing . . . that she was extremely pretty. She smiled at Harry . . . and he felt a slight lurch in the region of his stomach that he didn’t think had anything to do with nerves.” (PA13) Next year he invites her to the Yule Ball, but she is going with the doomed Cedric (GF23). In The Order of the Phoenix he begins to establish a relationship, but it founders because Cho misunderstands his feelings for Hermione, who has sage advice for him.

“It might have been a good idea to mention how ugly you think I am.. . . ”

“But I don’t think you’re ugly,” said Harry, bemused.

Hermione laughed.

“Harry, you’re worse than Ron . . . well, no, you’re not,” she sighed.

(OP26)

In fact, not even Harry at this stage knows who will prove to be his lasting love.

The gradual stages by which the Harry-Ginny relationship unfolds has been well recorded in the Lexicon by Water Witch and Tim Lambarski; and (outstandingly) by Red Monster (“WEB LINKGiving Her the Power,” on WEB LINKThe Sugar Quill website). To repeat what they have written would be superfluous. However, the story is not yet over. At the close of The Half-Blood Prince Harry recognises that his love for Ginny and hers for him is not only his strength, but potentially his weakness. If Voldemort discovers how much Ginny means to Harry, he will attempt to paralyse Harry by threatening her. Ginny may not care about the danger to herself, but she sees the point. They resolve to hide their relationship entirely while Harry goes on his (possibly hopeless) quest to defeat Voldemort (HBP30).

This theme will clearly form an important element in the final book. Harry has been saved from the start by love, the love of his mother (also, be it noted, with dark red hair, just like Ginny). Dumbledore has told him several times of the power of love:

“There is a room in the Department of Mysteries that is kept locked at all times. It contains a force that is at once more wonderful and more terrible than death, than human intelligence, than the forces of nature. It is also, perhaps, the most mysterious of the many subjects for study that reside there. It is the power held within that room that you possess in such quantities and which Voldemort has not at all. That power took you to save Sirius tonight. That power also saved you from possession by Voldemort, because he could not bear to reside in as body so full of the force he detests. In the end, it mattered not that you could not close your mind. It was your heart that saved you.”

(OP37)

The mysteries studied include Thought, Time (with the Future as an off-shoot), and Death. What is more wonderful and terrible? Many years before, Voldemort had argued with Dumbledore:

“The old argument,” he said softly. “But nothing I have seen in the world has supported your famous pronouncement that love is more powerful than my kind of magic, Dumbledore.”

“Perhaps you have been looking in the wrong places,” suggested Dumbledore.

(HBP20)

We return to Dumbledore’s words to Harry at the end of The Philosopher’s Stone:

“If there is one thing Voldemort cannot understand, it is love. He didn’t realise that love as powerful as your mother’s for you leaves its own mark. Not a scar, no visible sign . . . to have been loved so deeply, even though the person who loved us is gone, will give us some protection for ever.”

(PS17)

The uncommon skill and power Harry has is the ability to love. “‘Big deal!’” he just manages to avoid saying to Dumbledore (HBP23), who assures him that this is, in fact, a great and remarkable thing, given his history. “Love is strong as death, passion hard as the grave. . . it blazes out like fire.” (Song of Solomon, 8.6) These Biblical words remind me strongly of Rowling’s repeated allusion to the “hard, blazing look” on Ginny’s face, first as she throws herself at him after the Quidditch triumph (HBP24), and then again after Dumbledore’s funeral (HBP30). This is no sentimental love. She meets Harry’s gaze and he knows that they understand each other perfectly, and that when he tells her what he must do she will accept his decision because she would not have expected anything less from him (HBP30).

There can be no doubt, at the end of The Half-Blood Prince, of the love that Harry and Ginny have for one another, growing and deepening towards maturity (even if he is still not quite seventeen, she not quite sixteen) over six years. It is surely this power — along with the love of Ron and Hermione, of Bill and Fleur, of Lupin and Tonks, of Arthur and Molly Weasley, of the departed Lily and James, Sirius, and Dumbledore; even perhaps the inadequate loves of Petunia and Narcissa for their children — that will in the end defeat Voldemort. J.K. Rowling believes in love, and in its capacity for self-sacrifice. There can be no greater love than to risk one’s life for one’s friends. However, those of us who have come to love Harry and his friends hope that they will triumph, through love, without the need for this final sacrifice.

Amore e morte sono i temi principali dei libri di Harry Potter di J.K.Rowling. Lei stessa ha detto in una recente intervista tramite un web link per la rivista The Tatler che “i miei libri sono in gran parte sulla morte”. E in Harry Potter e il Principe Mezzosangue, uno dei portavoce di J.K.Rowling, il professor Silente, imprime a Harry che la sua "capacità d'amore" è "la sola protezione che possa funzionare contro le lusinghe di un potere come quello di Voldemort!" (HP PM,23).

All'inizio della storia si sente dire che i genitori di Harry sono morti, ed a tempo debito noi e Harry apprendiamo che sono stati assassinati. L'ombra della morte incombe su Harry, scopre che anche lui, era destinato ad essere una vittima, ma risparmiato in un modo che nessuno può spiegare. Egli riesce a scampare alla morte nuovamente al termine dei primi due libri (La Pietra Filosofale e La Camera dei Segreti), e il terzo (Il prigioniero di Azkaban) è interessato dall' inseguimento da parte di un assassino fuggito. Alla fine del quarto libro (Il calice di fuoco), un compagno di scuola è assassinato davanti ai suoi occhi, e lui stesso riesce a fuggire di nuovo. Nel quinto libro (L'Ordine della Fenice) perde il suo padrino ritrovato, e nel sesto (Il Principe Mezzosangue) anche il suo grande e apparentemente indistruttibile mentore, Silente. Sì, la morte è un visitatore costante del mondo di Harry.

Rowling offre una serie di riflessioni sulla morte e il suo significato. In primo luogo, è irreversibile. "Non esiste incantesimo che possa ridestare i morti" Silente dice a Harry e Sirius dopo la morte di Cedric (HP 4,36). D'altra parte, la morte non è da temere. Quando Harry è triste al pensiero che, senza la pietra filosofale, Nicholas Flamel e sua moglie devono morire, Silente gli assicura che "per una mente ben organizzata, la morte non è che una nuova, grande avventura" (HP 1,17) Harry stenta a venire a patti con il fatto che il suo padrino, Sirius, è andato e non tornerà. Egli mette in discussione uno dei fantasmi di Hogwarts, che è rimasto per cinque secoli dopo la sua decapitazione, ma Nick Quasi Senza Testa gli dice, purtroppo, che l'unico motivo per cui è rimasto è perché temeva troppo la morte , e non è riuscito ad andare come avrebbe dovuto. A causa di questo, egli è "né qua né là" (HP OdF,38). Il saggio sa che la morte non è la fine. Anche se Sirius ha superato (letteralmente, nella storia) "il velo", Harry ha un presentimento che all'interno del misterioso arco velato ci sono persone che si nascondono e sussurrano.

La sua amica Luna Lovegood è certa che rivedrà la madre (HP OdF,35). A un certo punto, Harry è convinto di aver visto suo padre, ma non era così. Dopo una precedente esperienza degli ultimi momenti dei suoi genitori , dice a se stesso severamente, "Sono morti e ascoltare i loro echi non li riporterà indietro" (HP PdA,12) Harry ha imparato a distinguere un pio desiderio dalla realtà. Probabilmente si ricorda la lezione del primo anno di Silente, "Non serve a niente rifugiarsi nei sogni e dimenticarsi di vivere" (HP PF,12) Ora, però, Silente dice: "Credi che le persone scomparse che abbiamo amato ci lascino mai del tutto? Non credi che le ricordiamo più chiaramente che mai nei momenti di grande difficoltà? Tuo padre è vivo in te, Harry, e si mostra soprattutto quando hai bisogno di lui ... hai visto tuo padre,Harry ... L'hai trovato dentro di te "(HP PdA,22)

In contrasto con questa prospettiva di speranza, abbiamo la missione di Tom Riddle (il sedicente Voldemort, il Signore Oscuro) per l'immortalità. Lo sfondo di Riddle, 50 anni prima, era simile a Harry - un'infanzia non amato senza genitori. Ma mentre Harry è cresciuto ancora capace di amore, Riddle è stato si dedicò alla dominazione degli altri e, se possibile, l'immunità dalla morte. Attraverso il suo portavoce, il professor Raptor, egli dichiara, "Bene e male non esistono. Esistono soltanto il potere e coloro che sono troppo deboli per ricercarlo..." (HP PF,17). Egli chiama i suoi seguaci "Mangiamorte", anche se non c'è accenno al fatto che avrebbe condividere l'immortalità con loro. Si vanta di essersi "spinto più in là di ogni altro sul sentiero che conduce all'immortalità" (HP CF,33), delle misure che ha preso per proteggere se stesso contro la morte (HP CF,33). Apprendiamo che questo è perché ha scoperto come dividere la sua anima in pezzi, e nascondere ogni parte in Horcrux. Ogni lacerazione della sua anima gli richiede di commettere un omicidio, prendendo la vita di qualcun altro. Per preservare la propria vita deve affrontare la morte ad altri (HP PM,23)

C'è un cambio di battute tra Voldemort e Silente in L' Ordine della Fenice:
"Non vuoi uccidermi, Silente" gridò Voldemort ... ». Sei superiore a tanta brutalità, vero?"

"Sappiamo entrambi che ci sono altri modi per distruggere un uomo, Tom" replicò tranquillo Silente ... "Ammetto che non mi darebbe soddisfazione toglierti soltanto la vita -

"Niente è peggio della morte, Silente", ringhiò Voldemort.

"Ti sbagli" replicò Silente ... "In verità , l’ incapacità di capire che esistono cose assai peggiori della morte è sempre stata la tua più grande debolezza..." (HP OdF,36).

Ciò che è peggio della morte è la negazione o il tradimento d'amore. Questo ci porta al secondo grande tema. Harry viene a sapere che egli sfuggì alla morte perché i suoi genitori, e soprattutto sua madre, erano pronti a morire per lui. Era sempre stato vittima designata di Voldemort. Suo padre, James, è stato ucciso cercando di dare tempo alla madre di fuggire con il loro bambino. A sua madre, Lily, è stata anche data la possibilità di farsi da parte e di essere risparmiata. Ma lei preferiva proteggere lui e il suo amore a costo della sua vita e diede così a Harry la protezione che ha ritorto la maledizione del Signore Oscuro contro se stesso, privandolo della maggior parte dei suoi poteri per dodici anni (HP CF,33)

Diversi tipi di amore sono raffigurati nei libri - l'amore dei genitori per i figli, di mariti e mogli, e di coloro che sposerà un giorno, l'amore degli amici. Ognuno di questi può richiedere il sacrificio supremo. Quando Peter Minus, l'amico ma traditore di James e Lily Potter, cerca di scusarsi per il fatto che Voldemort lo avrebbe ucciso, Sirius gli dice: "E ALLORA AVRESTI DOVUTO MORIRE! ... MEGLIO MORIRE CHE TRADIRE I TUOI AMICI! NOI PER TE LO AVREMMO FATTO! "(HP PdA,19) L'amicizia di Sirius, Lupin e Minus per James avrebbe chiesto il loro spirito di sacrificio, piuttosto che il tradimento. Questo è ciò che è l'amore.

Ci sono varie coppie di "amanti sfortunati", presentate a noi, ed le tentazioni che sormontano che dimostrano la realtà del loro amore. Bill Weasley e Fleur Delacour sono essere sposati (nonostante le riserve della madre di Bill). Quando Bill si infortuna ed è orribilmente sfigurato combattendo i Mangiamorte, Molly Weasley pensa che Fleur non sarà più desiderare di sposarlo, ma Fleur non è così superficiale. Bill è stato ferito perché è coraggioso, e, "Io sono bella abbastonza per tutti e due" (HP PM,29). Lupin è amato da Ninfadora Tonks, nonostante il fatto che lui è un lupo mannaro. L’ha tenuto nascosto a lei a causa della sua disabilità, e perché non ha voluto qualcuno che potesse farlo sentire meglio. Deve imparare che l'amore è più forte. Il rapporto di Hagrid con Madame Maxime sembra poco promettente, ma prima del funerale di Silente si getta tra le braccia di Hagrid (HP PM,30).

Ci viene dato il sospetto di un’amore confortevole di una lunga coppia che sono i coniugi Weasley (in HP PM ,5 lei è imbarazzata che Harry senta che le piace che il marito la chiami "Lollymolly” in privato). Ma Molly soffre per via dell’amore per suo marito e per i figli,temenndo paura per loro e vedendo nella sua mente la loro morte (HP OdF,9) Anche Petunia Dursley e Narcissa Malfoy amano i loro figli Dudley e Draco, a modo loro.

Rowling descrive l'amore umano con intuito, intelligenza e affetto. La crescente attrazione tra Ron e Hermione è uno dei principali sub-plot della serie. Ma non comincia né con Harry né con Ron ma con Hermione . All’inizio lei ha la voce stridula e prepotente. Ma arrivano ad accettarla quando si tratta di salvarla , come dice l'autrice, "da quel momento, Hermione Granger divenne loro amica. È impossibile condividere certe avventure senza finire col fare amicizia" (HP PF,10) L’integrità, la lealtà e la saggezza di Hermione permetteranno loro di sopravvivere a prove maggiori nel corso degli anni. Per molto tempo, Ron detesta la sua etica del lavoro, ma arriva ad apprezzarla come si avvicinano gli esami. Quando il Ballo del Ceppo si avvicina al quarto anno, e ha bisogno di un partner, il penny cade: "Hermione, Neville ha ragione...sei una ragazza” (HP CF,22) Ha anche avuto notizia che lei ha avuto i suoi denti raddrizzati (HP CF,23) Ma le è già stato chiesto, ed è la sua gelosia di Viktor Krum che lo rende consapevole del fatto che Hermione significa qualcosa per lui. Lei è davanti a lui: "La prossima volta che c'è un ballo, chiede a me prima che qualcun altro lo faccia, e non come ultima spiaggia" (HP CF,23) Non ci sono ulteriori (abbastanza comici) allontanamenti, fino a quando Ron viene quasi ucciso, e sente la sua voce al suo capezzale, dove si è fermata, "stringe la mascella e ha lo sguardo spaventato", si sveglia e gracchia il suo nome "Er-mo-ne" (HP PM,19).

L’amore della vita di Harry è più sottilmente notabile. Lui è amico di Hermione, ma la Rowling non ci dà motivi per supporre che questo rapporto sarà mai più di un'amicizia (web-link da TLC pt.2). La sua prima attrazione adolescenziale è quello di Cho Chang, sua controparte nella squadra di Quidditch avversaria. "Harry non potè fare a meno di notare ... che era molto carina. Lei sorrise a Harry ... e lui avvertì una lieve stretta dalle parti dello stomaco,una cosa che non aveva nulla a che fare con i nervi" (HP PdA,13) L’anno successivo anno lui la invita al Ballo del Ceppo, ma lei sta andando con Cedric il “condannato” (HP CF,23) nell'ordine della Fenice comincia a stabilire un rapporto, ma affonda perché Cho fraintende i suoi sentimenti per Hermione, che ha solo saggi consigli per lui.

"E sarebbe stata una buona idea anche dire che mi trovi brutta"

"Ma io non ti trovo brutta" disse Harry, perplesso.

Hermione rise "Harry, sei peggio di Ron .... no, è impossibile" sospirò (HP OdF,26)

In realtà, nemmeno Harry a questo stadio sa con chi si rivelerà il suo amore duraturo.

Le tappe graduali con cui il rapporto Harry-Ginny si svolge è stata registrata nel Lexicon da Water Witch e Tim Lambarski e (eccezionalmente) da Red Monster (link web Dandole il potere e sul collegamento di un sito La penna di potenza). Ripetere ciò che hanno scritto sarebbe superfluo. Tuttavia, la storia non è ancora finita. Alla fine de “Il Principe Mezzosangue” Harry riconosce il suo amore per Ginny e ricambiato e non è solo la sua forza, ma potenzialmente la sua debolezza. Se Voldemort scopre quanto Ginny significa Harry, cercherà di fermare Harry minacciando lei. Ginny non può preoccuparsi del pericolo per se stessa, ma si vede il punto. Essi decidono di nascondere la loro relazione mentre Harry continua la sua (forse disperata) ricerca per sconfiggere Voldemort (HP PF,30).

Questo tema sarà chiaramente un elemento importante nel libro finale. Harry è stato salvato fin dall'inizio con l'amore, l'amore di sua madre (anche, si noti, con i capelli rosso scuro, proprio come Ginny). Silente gli ha detto più volte della potenza dell'amore:

”Nell’Ufficio Misteri c’è una stanza che viene tenuta sempre chiusa. Contiene una forza al tempo stesso più meravigliosa e più terribile della morte,dell’intelligenza umana e della natura. È forse più il più misterioso fra i molti soggetti che vengono studiati laggiù. È la forza contenuta in quella stanza che tu possiedi in grande quantità,e che Voldemort non possiede affatto. È stata quella a spingerti laggiù stanotte per salvare Sirius. E ti ha salvato dalla possessione di Voldemort,perché egli non può risiedere in un corpo tanto pieno della forza che lui detesta. Alla resa dei conti,non ha avuto importanza che tu non riuscissi a chiudere la tua mente. È stato il tuo cuore a salvarti” (HP OdF,37)

Misteri studiati comprendono Pensiero, Tempo (con il futuro come un off-shoot), e la Morte. Che cosa è più meravigliosa e terribile? Molti anni prima, Voldemort aveva sostenuto con Silente:

“La vecchia disputa”osservò con dolcezza “Ma niente di quel che ho visto al mondo ha confermato il suo famoso principio che l’amore è più potente del mio genere di magia,Silente” “Forse stai cercando nei posti sbagliati”suggerì Silente (HP PM,20)

Torniamo alle parole di Silente a Harry alla fine de La pietra filosofale:

“Se c’è una cosa che Voldemort non riesce a concepire,è l’amore. Non poteva capire che un amore potente come quello di tua madre,lascia il segno: non una cicatrice,non un segno visibile…Essere stati amati tanto profondamente ci protegge per sempre, anche quando quella persona che ci ha amato non c’è più” (HP PF,17)

L'abilità non comune e la potenza Harry è nella capacità di amare "Sai Che roba!" Riesce solo ad evitare di dire a Silente (HP PM,23), che gli assicura che questa è, infatti, una grande e notevole cosa, data la sua storia. "L'amore è forte come la morte, la passione dura come una tomba ... che divampa come fuoco" (Cantico dei Cantici 8,6). Queste parole bibliche mi ricordano fortemente le ripetute allusioni della Rowling al "duro, sfolgorante look" sul volto di Ginny, prima come si getta su di lui dopo il trionfo Quidditich (HP PM,24), e poi di nuovo dopo il funerale di Silente (HP PM,30 ). Questo non è un amore sentimentale. Lei incontra lo sguardo di Harry e lui sa che si capiscono perfettamente, e che quando lui le dice quello che deve fare lei accetterà la sua decisione perché non si sarebbe aspettata niente di meno da lui (HP PM,30).

Non ci può essere alcun dubbio, alla fine di “Il principe Mezzosangue”, dell'amore che Harry e Ginny provano l’uno per l'altro, la crescita e l'approfondimento verso la maturità (anche se non ha ancora diciassette anni, e lei non ancora sedici) oltre sei anni. E 'sicuramente il potere, insieme con l'amore di Ron e Hermione, di Bill e Fleur, di Lupin e Tonks, di Arthur e Molly Weasley, dei defunti Lily e James, Sirius e Silente,forse anche l'inadeguato amore di Petunia e Narcissa per i loro figli - che sarà nella sconfitta finale Voldemort. JK Rowling crede nell'amore, e nella sua capacità di auto-sacrificio. Non ci può essere amore più grande di rischiare la propria vita per i propri amici. Tuttavia, quelli di noi che hanno imparato ad amare Harry e i suoi amici sperano che trionferanno, attraverso l'amore, senza la necessità di questo sacrificio finale.








Info
Stai guardando TID 5156
(EID 46 - REV 1 By Dragonis_Witch)
April 1, 2014

R0 R1

14254 visualizzazioni

Modifica