Maledizioni Senza Perdono

    Pagina Catalogata come Incantesimi


Nel Mondo magico, esistono tre maledizioni che sono dette senza perdono dal 1717, esse vengono considerate tali sia perché la vittima di tali malefici non può in alcun modo né sottrarsi né contrastare i loro effetti devastanti, sia perché chi le lancia, se colto sul fatto, è inevitabilmente condannato alla reclusione ad Abzakan. Gli unici che possono utilizzare legalmente le Maledizioni Senza Perdono sono gli Auror, ossia i cacciatori dei maghi oscuri incaricati dal Ministero dell Magia, ma non tutti ne sono capaci poiché, per riuscire a usare in modo efficace questi incantesimi, non è sufficiente essere ben motivati ma è anche necessaria una certa dose di sadismo e di crudeltà mentale che non tutti i maghi posseggono. Infatti, solo chi desidera realmente uccidere la propria vittima o infliggerle indicibili sofferenze può essere certo di scagliare con successo le Maledizioni Senza Perdono. Non meraviglia, quindi, che esse siano utilizzate principalmente dai Mangiamorte e da alcuni maghi oscuri, ovviamente, in modo illegale e clandestino.

• La prima e la più potente delle tre Maledizioni Senza Perdono è l’Anatema che Uccide, la sua formula AVADA KEVADRA è in lingua aramaica e deriva dalla frase "abhadda kedhabhra" che significa "sparisci, così come questa parola". Infatti, quando viene scagliato questo maleficio si vede un lampo di luce verde, si ode un rumore sordo, come il sibilo del vento, e il bersaglio colpito cade a terra morto in modo fulmineo, senza neppure rendersene conto. La vittima non ha neppure il tempo di reagire e, d'altronde ogni resistenza sarebbe vana perché non esiste una contro-maledizione.

• La seconda è la Maledizione Cruciatus che è utilizzata per torturare chi ne viene colpito, rispetto alla prima causa maggiore sofferenza e non necessariamente porta alla morte della vittima. La formula CRUCIO deriva dal latino e significa, per l’appunto "tormentare, torturare" o anche "crocifiggere". E’ usata soprattutto dai Mangiamorte per infliggere sofferenze inimmaginabili ai propri nemici o per estorcere loro delle informazioni preziose. Questa maledizione sembra, inoltre, descritta nelle Fiabe di Beda il Bardo nel racconto di Baba Raba e il Ceppo Ghignante: la lavandaia Baba Raba minaccia, infatti, il Re di eseguire un incantesimo che produce lo stesso effetto della Maledizione Cruciatus.

• La terza è la Maledizione Imperius, che permette di assumere il controllo di un qualsiasi essere vivente, assoggettandolo a sé. Per contrastare questo potente incantesimo è necessaria una grande forza di volontà, solo maghi esperti riescono a fatica nell’impresa. La formula IMPERIO deriva dal sostantivo latino "imperium" che significa "comando". Prima della sua caduta, Voldemort controllava molte persone con la Maledizione Imperius e alcuni dei suoi seguaci, per evitare la condanna ad Azkaban, dichiararono di aver servito l'Oscuro Signore sotto l'effetto di questo incantesimo.





Maledizioni Senza Perdono è presente 6 volte nelle nostre citazioni dai Libri di Harry Potter.
Leggile Ora

Cronologia


1994 (4 Settembre)
Moody mostra alla classe di Harry le Maledizioni Senza Perdono
Neville è particolarmente colpito quando il professore utilizza la Maledizione Cruciatus contro un ragno





Info
Stai guardando TID 3002
(EID 30 - REV 2 By Federick_Nott)
November 28, 2010

R0 R1 R2

34928 visualizzazioni

Modifica