Una visione del Mondo Magico di Steve Vander Ark

(anche A Magical Worldview by Steve Vander Ark)
    Pagina Catalogata come Supposizioni, teorie, approfondimenti


Italiano:

Il modo in cui le .Streghe e i Maghi pensano a tutto, compresi gli incantesimi, è completamente diverso dal modo in cui ci pensano i Babbani. Quando consideriamo la meccanica, diciamo, puntando un incantesimo a qualcosa, ci chiediamo noi "Babbani" domande come "Bisogna avere punti di vista?" che non avremmo mai pensato di chiedere. Siamo abituati alla fisica Babbana e limitazioni Babbane. Streghe e Stregoni usano per procedura guidata limitazioni fisica e guidata. Questo fa la differenza nel Mondo. In realtà, è letteralmente un Mondo diverso.

Un grande esempio di questo è la reazione di .olly Weasley al fatto che la Ford Anglia, si adatta tanto all'interno del suo tronco e può ospitare comodamente cinque persone in tutto il sedile posteriore. E non le sembra nemmeno po' strano, dal momento che pensa con la logica procedura cui è abituata. È così del tutto normale, che lei presume che anche i Babbani fanno in quel modo, non si rende conto che è unico al Mondo Magico. Ma noi, come Babbani, saremmo in grado di capire come una cosa del genere potrebbe essere. Il nostro Mondo e la visione della vita, la nostra struttura per come funzionano le cose, è così totalmente diversa dal modo in cui Maghi e Streghe vedono che abbiamo un momento difficile di comprendere il modo in cui la Magia funziona. Molly, d'altra parte, non può capire la nostra nozione di spazio e fisica tridimensionale, su cui si basano scienza e tecnologia. Una macchina che non poteva contenere più del necessario, le avrebbe fatto fare un doppio introito. Ricordati di Ron frugando il poster di Dean Thomas del West Ham United , cercando di farlo muovere? Semplicemente non aveva senso per lui.

Si consideri che le leggi fisiche che governano il nostro mondo - causa ed effetto, di azione e di reazione, risparmio di energia, quel genere di cose - sono secondari per il Mago, nel modo di vedere le cose. Per loro, la chiave è l'intenzione e il potere. Molly non deve vedere qualcosa per Evocarla, o anche sapere esattamente cos'è quella cosa? No. Lei ha l'intenzione e il potere con l'Incantesimo di Appello di fare esattamente quello che vuole. Harry, come sta imparando, deve specificare, anche vedere l'oggetto in questione. Ma al momento che sta convocando la Coppa Tremaghi nel cimitero, ha tutta l'intenzione e la potenza di cui ha bisogno, quasi senza accorgersene, a fare esattamente ciò che vuol far venire direttamente a lui. Nessun obiettivo specifico deve essere indicato a causa del fuoco disperato della propria mente.

Una volta che liberiamo le nostre menti delle catene di Fisica Babbana, la Magia diventa più comprensibile e diventa ben presto evidente che la Magia è davvero la manipolazione del potere magico dalla volontà e messa a fuoco (per mezzo di una bacchetta e le parole, di solito) dell'incantatore. La fisica esatta della magia - come funziona, come è il cast, che cosa fa - può essere diverso ogni volta, perché le leggi fisiche non sono coinvolte, sono le emozioni e le intenzioni.

Ciò significa che un incantesimo potrebbe avere un effetto notevolmente diverso a seconda delle circostanze della sua funzione (ad esempio Expelliarmus effettivamente getta Lockhart contro il muro, poiché le intenzioni di Piton hanno causato un risultato un po' più violento). Quindi vuol dire che Hermione può effettuare un incantesimo sul posto (Mobiliarbus, che può esattamente muovere un albero... non potete dirmi che gli studenti del terzo anno di Hogwarts hanno imparato incantesimi per muovere alberi... lei l'ha fatto sul posto, usando la sua capacità e il suo intelletto nel modo di pronunciare gli incantesimi)[ 1 ]. Nella sua forma più pura, la Magia non richiede parole e anche senza bacchetta. Vediamo Silente usare la Magia in questo modo, o vicino ad esso, quasi ogni volta che le fa.

Ci sono tre proprietà di un incantesimo, e le leggi fisiche non sono coinvolte a tutte. Le tre sono intenzioni, centro di potere e la focalizzazione della mente. L'intenzione viene in primo luogo, ovviamente, dato che il Mago deve avere intenzione di fare qualcosa. Poi le formule magiche sono utilizzate per concentrare la mente sull'azione desiderata, a volte con l'assistenza di un modello di pensiero specifico. Questi due si intrecciano, dal momento che le parole dei processi mentali di Marshall, ma a volte un certo tipo di pensiero è necessario in primo luogo, come il pensiero felice per innescare una difesa contro i Dissennatori. Poi la bacchetta viene sventolata in un modo specifico per concentrare e dirigere il potere magico del corpo del lanciatore verso la meta. Tutte queste cose lavorano insieme per creare un effetto che semplicemente non obbedisce a qualsiasi delle nostre leggi scientifiche Babbane. Ma la chiave di tutto è l'intenzione. [ 2 ]

Se pensiamo come i Babbani, questo è veramente, assolutamente, incredibilmente sorprendente. Questo è parte di ciò che rende il libro molto divertente. Ma se potessimo veramente pensare come Maghi, sarebbe del tutto normale, anche banale. E per i calci, si dovrebbe leggere fumetti su Martin Miggs, il Mad Babbano .

NOTE
[ 1 ] Hermione può avere un numero di incantesimi arcani memorizzati - Alohomora viene in mente - ma io ancora non credo di aver imparato un incantesimo che muove un albero. Che non è nemmeno un incantesimo logico da avere. Ciò che ha molto più senso è che lei capisce le parole di radice e non ha alcun problema creando le parole di cui ha bisogno al momento in cui ne ha bisogno. Dopo tutto, a muovere Piton in Prigioniero di Azkaban capitolo 19 hanno usato Mobilicorpus, che è fondamentalmente la stessa magia con una cosa diversa ("corpus" in latino significa "corpo", mentre "Arbus" si riferisce ad un albero). Hermione, essendo brillante, si è rapidamente spostata semplicemente ripetendo a pappagallo le parole dell'incantesimo e ha afferrato la logica sottostante a tutta la cosa. Non sa un incantesimo specifico per spostare un albero, ma quando ha bisogno di spostarne uno, sa come creare l'incantesimo giusto. Alohomora, d'altra parte, è un periodo molto oscuro . L'etimologia non è sicuramente dal semplice latino come tanti altri. Si è specificamente indicato come "suo" incantesimo. Mi sembra abbastanza ovvio che Alohomora è uno che ha scavato in qualche libro polveroso da qualche parte in biblioteca, facendo un po' di lettura della luce. E quando vide che, naturalmente, avrebbe visto l'utilità di esso, lo memorizza. Ma Mobiliarbus? Pensi che disse a se stessa: "Beh, non si sa mai quando potrei spostare un albero!"? No, quello è un incantesimo di sua invenzione, improvvisato sul posto usando la sua comprensione del modo in cui la magia funziona. Questo è del tutto logico e in realtà mostrano quanto lei è avanzata, se ci pensate. È un buon esempio del funzionamento della mente di chi ottiene oltre il cento per cento su un esame di Incantesimi.

[ 2 ]Una nota in più sulle parole di incantesimi e le intenzioni : si pensi Wingardium Leviosa. Il significato di quella magia si riferisce a levitare una piuma ( a radice della parola "ala" non c'è chiaramente in latino, che non ha la lettera 'w', ma si riferisce all'oggetto che avrebbero dovuto essere di sollevamento). Ma più tardi, Ron, che in realtà non sa farlo ancora usa queste parole per far levitare una clava di Troll! Come può essere? Dato che la sua intenzione è entrata in gioco, e la sua mente era totalmente concentrata su quello che voleva fare. Le parole che ha detto erano ciò che pensava di farla levitare, dal momento che non capisce che cosa significasse la frase, e abbastanza sicuro, lo fa. Da quando ha creduto che quelle parole avrebbero un tal senso, essi bastarono per mettere a fuoco i suoi pensieri. Hermione, per il momento del suo terzo anno, avrebbe usato "Clava Leviosa " invece, se qualcuno le aveva insegnato quello specifico incantesimo. Se lei non conosce la parola latina corrispondente alla parte superiore della testa, lei avrebbe solo detto "leviosa" e si sarebbe concentrata su quel punto.

Inglese:

The way that witches and wizards think about everything, including spells, is completely different from the way we Muggles think about it. When we consider the mechanics of, say, aiming a spell at something, we ask "Muggle" questions like "Do you have to have line of sight?" that they would never think to ask. We are used to Muggle physics and Muggle limitations. Witches and wizards are used to wizard physics and wizard limitations. That makes all the difference in the world. In fact, it is literally a different world.

A great example of this is Molly Weasley's reaction to the fact that the Anglia fits so much inside its trunk and can seat five people across the back seat comfortably. It doesn't strike her as the least bit odd, since she thinks with wizard logic. It is so completely normal to her that she even assumes that the Muggles made it that way; she doesn't realize that it's unique to the wizarding world. But we, as Muggles, would be unable to comprehend how such a thing could be. Our world and life view, our structure for how things work, is so utterly different from the way witches and wizards see it that we have a difficult time understanding the way magic works. Molly, on the other hand, can't understand our notion of three-dimensional space and physics, on which science and technology are based. A car that couldn't hold more when necessary would make her do a double-take. Remember Ron poking Dean Thomas's poster of West Ham United, trying to make it move? It just didn't make sense to him.

Consider that the physical laws that govern our world--cause and effect, action and reaction, conservation of energy, that sort of thing--are secondary in the wizard way of seeing things. For them, the key is intention and power. Does Molly have to see something to Summon it, or even know exactly what that thing is? Nope. She has the intention and power to make that Summoning Charm do exactly what she wants. Harry, as he's learning it, needs to specify, even see the object in question. But by the time he's summoning the Triwizard Cup in the graveyard, he has all the intention and power he needs, almost without realizing it, to make exactly what he wants come directly to him. No specific target needs to be stated because of the desperate focus of his own mind.

Once we free our minds of the shackles of Muggle physics, magic becomes that in a way more understandable, and it soon becomes obvious that magic is really the manipulation of magical power by the intention and focus (by means of a wand and words, usually) of the caster. The exact physics of the spell--how it works, how it's cast, what it does--can be different every time, because physical laws aren't involved, emotions and intentions are.

That means that a spell could have a markedly different effect depending on the cirsumstances of its casting (such as Expelliarmus actually throwing Lockhart against the wall, since Snape's intentions caused a somewhat more violent result). It also means that Hermione can create a spell on the spot (Mobiliarbus, which literally suggests moving a tree...you can't tell me that third year Hogwarts students have learned spells to move trees...she made it up on the spot, using her intention and her understanding of the language of spellwork) [1]. In its purest form, magic requires no words and even no wand. We see Dumbledore using magic this way, or close to it, almost every time he does it.

There are three properties to a spell, and physical laws aren't involved at all. The three are intention, focus of power, and focus of mind. The intention comes first, obviously, since the spell caster needs to intend to do something. Then the spell words are used to focus the mind on the action desired, sometimes with the assistance of a specific thought pattern. These two are intertwined, since the words often marshall the mental processes, but sometimes a certain type of thought is required first, such as the happy thought to trigger a defense against Dementors. Then the wand is waved in a specific pattern to focus and direct the magical power of the caster's body toward the goal. All of these things work together to create an effect which simply does not obey any of our Muggle scientific laws. But the key to the whole thing is intention. [2]

If we think like Muggles, this is truly, utterly, unbelievably amazing. That's part of what makes the books so much fun. But if we could truly think like Wizards, it would be completely normal, even mundane. And for kicks, you would read comics about Martin Miggs, the Mad Muggle.

NOTES
[1] Hermione may have a number of arcane spells memorized -- Alohomora comes to mind--but I still don't believe that she learned a spell that moves a tree. That isn't even a logical spell to have. What makes a lot more sense is that she understands the root words and has no problem creating the words she needs at the time she needs them. After all, to move Snape in PA19 they used Mobilicorpus, which is basically the same spell with a different thing being moved ("corpus" in Latin means "body" while "arbus" refers to a tree). Hermione, being as bright as she is, has quickly moved past simply parroting back spell words and has grasped the underlying logic to the whole thing. She doesn't know a specific spell to move a tree, but when she needs to move one, she knows how to create the correct incantation. Alohomora, on the other hand, is a very obscure spell. The etymology is definitely not simple Latin like so many of the others. It is specifically referred to as "her" spell. It seems fairly obvious that Alohomora is one she dug up in some dusty book somewhere in the library, doing a bit of light reading. And when she spotted it, of course she'd see the usefulness of it and memorize it. But Mobiliarbus? You think she saw that and said to herself, "Well, you never know when I might have to move a tree!"? No, that's a spell of her own invention, improvised on the spot using her understanding of the way magic works. That's completely logical and actually show just how advanced she is, if you think about it. Its a good example of the working of the mind of someone who gets over a hundred percent on a Charms exam.

[2] One more note on spell words and intentions: think about Wingardium Leviosa. The meaning of that spell refers to levitating a feather (the root word "wing" in there is clearly not Latin, which has no letter 'w', but refers to the object they were supposed to be lifting). But later on, Ron, who doesn't really get it yet, uses those words to levitate a troll's club! How can this be? Because his intention came into play, and his mind was totally focused on what he wanted to do. The words he said were what he thought would levitate anything, since he doesn't really understand what the phrase meant, and sure enough, it does. Since he believed that those words would have that effect, they sufficed to focus his thoughts. Hermione, by the time she was in her third year, would have used "Clava Leviosa" instead, whether or not anyone had taught her that specific incantation. If she didn't know the Latin word for "club" off the top of her head, she would have just said "leviosa" and concentrated on the club.









Info
Stai guardando TID 5075
(EID 46 - REV 1 By Daphne_Harris)
March 30, 2014

R0 R1

7015 visualizzazioni

Modifica