Come funzionano i duelli?

(anche How Do Duels Work? by Hugo Costa Paes)
    Pagina Catalogata come Supposizioni, teorie, approfondimenti

Testo tradotto (italiano)
Testo originale (inglese)

Torna in cima





Testo tradotto (italiano) link



Questo non è un punto cruciale. Abbastanza contrario a quello che molti lettori possono pensare, duelli come quelli dei libri di Harry Potter non sono frequenti nella letteratura fantasy. Questo è perché è molto difficile trasmettere al pubblico o ai lettori l'esatta impronta di un duello emozionante nei termini in cui lo ha fatto J. K. Rowling. Tuttavia, sono state proposte diverse soluzioni alla domanda: come combatterebbero due maghi?

Una delle risposte più innovative è stata impiegata in una delle tante storie fittizie su Re Artù, T.H. Il romanzo di White “La Spada nella Roccia”, che ha ispirato il film animato di Disney per il Re nei suoi primi giorni. Nel film adattamento del racconto di T. H. White, Merlino è costretto a lottare con la Madam Mim, una strega malvagia almeno altrettanto potente del grande mago. Il duello è estremamente creativo: invece di lanciare incantesimi, ogni combattente cerca di attaccare il nemico in forma di un animale. Pertanto, non è una questione di chi sia il più potente, è semplicemente una guerra di intelletto e dai riflessi veloci. Come previsto, Merlino vinse trasformandosi in germi che causano a Madam Mim - che è sotto forma di una vecchia bestia britannica, un malattia - per morire quasi immediatamente.

In alcuni fumetti, i maghi si confrontano a vicenda attraverso l'invio di un unico fascio di potere contro i loro avversari. Le travi si scontrano e il vincitore è colui che riesce a far sì che il fascio raggiunga l'avversario e lo sottomette. Inutile dire che questo tipo di duello è totalmente monotono.

In un film di Willow del tardo 1980, la lotta tra le streghe alla fine è quasi puramente fisica al posto del magico, ad eccezione di un esempio di levitazione. Il vincitore è colui che riesce a strappare la bacchetta dell'altra.

Naturalmente, ci sono duelli di magia di RPG, ma per quanto ne so, ogni giocatore ha il suo turno per colpire e di tirare i dadi fino a quando colpisce o l'avversario perde. Alcuni autori, come Tolkien, scelgono semplicemente di non ricorrere a duelli corretti. Quando Gandalf respinge il Balrog, quest'ultimo non riesce a resistere perché i suoi poteri non implicano magia magica.

La ragione per la difficoltà di raffigurare duelli convincenti nel modo che Rowling fa è abbastanza semplice e può essere tratto da analogie Babbane. I primi sono film occidentali. I duelli con le pistole durano pochi secondi. Il campione ha la pistola più veloce o è quello con il miglior obiettivo. Questo è perché è impossibile schivare un proiettile dal momento in cui è stato sparato. Gli impulsi neurali non si muovono così velocemente.

La maggior parte dei saggi su questo sito ammette che la magia è una forma di energia. Sono d'accordo, ma non è affatto comune finché le forme Babbane di energia pura viaggiano alla velocità della luce. Ne consegue che, a prescindere da quanto potente il tuo nemico è - vale a dire, Voldemort - se tu fossi faccia a faccia con lui e riuscissi a lanciare un'incantesimo prima di lui, il suo essere più forte non importa: non sarebbe in grado di Schivare, deviare o ripararsi da esso. Lo stesso accade con pistole laser nei film di fantascienza. Una volta che il raggio, il proiettile o l'incantesimo si allontanano, si muovono troppo in fretta per consentire una reazione dall'obiettivo. I duelli sarebbero stati noiosi come sono nel mondo dei babbani.

Quindi dobbiamo ammettere che, per far funzionare correttamente i duelli nel mondo di Harry, deve esserci il tempo per un mago di vedere quello che sta arrivando, di pensare a una difesa e di impiegarla - quasi un secondo di elaborazione del cervello. Alla velocità della luce, l'incantesimo avrebbe già raggiunto la luna.

Non sorprendentemente, nel capitolo 35 e 36 dell’Ordine della Fenice, i duelli nel Dipartimento dei Misteri sono molto simile a ripararsi o gettarsi le cose a vicenda: le persone hanno il tempo di abbassarsi, di avvertire qualcuno che arriva un incantesimo, di prevedere che cosa ha in mente il nemico e di reagire più velocemente, anche per spingere via qualcuno. Malfoy ha il tempo di deviare l'incantesimo di Bellatrix Lestrange. Lei, a sua volta, può deviare un incantesimo da Silente mentre scappa via da lui. Mi piace pensare che la magia nei libri di Rowling, sebbene descritta come flussi di scintille la maggior parte del tempo, non è la solita energia. Una buona velocità da attribuire a questi è quella di una palla, un canestro, un goal, o pallavolo. A volte, come nei libri, sono così veloci che hai solo il tempo di abbassarti, mentre altre volte ci si può fermare e prendere in considerazione: "Dovrei provare un incantesimo scudo o deviarlo?”

Certamente, la magia di Rowling sembra piuttosto materiale piuttosto che energica: i flussi di luce non interferiscono l'uno con l'altro tranne in situazioni molto specifiche. Non puoi deviare la luce di una torcia, no? Nel mondo di Harry Potter, si scontrano, rimbalzano, ti fanno crescere i capelli mentre passano da te. Ecco perché la distanza tra le due parti in un duello è importante. Credo che solo incantesimi come Lumos coinvolgano energia pura e sono poco utilizzabili in un duello. Anche Wingardium Leviosa, Alohomora e l'Imperius e la Maledizione Cruciatus sembrano quasi istantanei, ma sembra che per causare danni fisici permanenti o duraturi l'incantesimo deve essere un po 'più materiale.

Questi effetti non possono nemmeno essere associati ad un singolo stato di materia. Solo le cose solide rimbalzano, ma solo le cose gassose possono far rizzare i vostri capelli. Questa idea si adatta bene ad un'altra già menzionata altrove in questo sito: la magia è una forma di energia che può essere convertita con la materia a proprio piacimento. La magia è solo qualcosa di diverso; non è energia, solido, liquido o gas, ma può manifestarsi come uno di loro. Esempi di questo comportamento quando il falso Moody dimostra per la prima volta l’Avada Kedavra, viene descritta come qualcosa di enorme che attraversa la stanza; nel libro 4, gli incantesimi di Harry e Malfoy si sono deviati reciprocamente, colpendo Goyle e Hermione; l’incantesimo di Silente nel capitolo 36 dell’Ordine della Fenice ha interferito con lo scudo di Voldemort; nella lezione di Expelliarmus dell’ES, gli incantesimi errati sono descritti come raffiche di vento che passano attraverso la persona a cui erano destinati. Si può dire: "beh, tra un babbano con una pistola e un mago, vorrei scommettere sul babbano”. Non necessariamente. Come un saggio in questo sito ha già affermato, sembra che ci sia una protezione naturale e magica contro gli incidenti babbani in quel mondo. Se un incidente automobilistico non avrebbe mai ucciso Lily e James Potter (Harry Potter e la Pietra Filosofale capitolo 4), perché una pistola ucciderebbe un mago? Certamente avrebbero cambiato il proprio corso e lo avrebbero evitato. È possibile danneggiare fisicamente un mago senza una bacchetta, come Harry scoprì a proprie spese durante la sua vita con i Dursley, ma deve essere perché questo tipo di protezione deve funzionare solo in caso di pericolo estremo. Quindi la velocità non fa alcuna differenza nel mondo del mago? Non lo direi. Quei maghi che sono in grado di concentrarsi abbastanza bene possono lanciare molti incantesimi senza pronunciare formule magiche, come abbiamo visto in un bel pezzo di duello, tra Voldemort e Dumbledore (HPOF). Questo consente di risparmiare tempo e potrebbe essere utile.




Torna in cima

Testo originale (inglese) link



This is no moot point. Quite contrary to what many a reader may think, duels such as those in the Harry Potter books are not frequent in fantasy literature. That is so because it's very difficult to convey to the audience or to the readers the precise impression of a thrilling duel in the terms J. K. Rowling has done. Nonetheless, many different solutions have been proposed to the question: how would two wizards fight?

One of the most innovative responses has been employed in one of the many fictional stories about King Arthur, T.H. White's novel The Sword in the Stone, which inspired Disney's animated film about the king in his early days. In the film adaptation of T. H. White's tale, Merlin is forced to struggle with Madam Mim, an evil witch at least as powerful as the great magus. The duel is extremely creative: instead of casting spells, each combatant tries to attack their foe in the form of an animal. Therefore, it's not a question of who is the most powerful, it's simply a war of intellects and quick-thinking. Predictably, Merlin wins by transforming himself into germs which cause Madam Mim - who is in the form of an old British beast, an aullay - to die almost instantly.

In some comics, wizards confront one another by means of sending a single beam of power against their opponents. The beams collide and the winner is the one who can manage to cause their beam to reach the adversary and subdue him. Needless to say, this kind of duel is utterly monotonous.

In a late 1980s film Willow, the fight between witches at the end is almost purely physical instead of magical, except for one instance of levitation. The winner is the one who manages to snatch the other's wand.

Of course, there are RPG wizard duels, but as far as I know, each player has his or her turn to strike and it's up to the dice if he's going to hit or miss the opponent. Some authors, like Tolkien, simply choose not to resort to proper duels. When Gandalf repels the balrog, the latter can't strike back because his powers don't involve spell magic.

The reason for the difficulty in depicting convincing duels in the fashion Rowling does is quite simple and can be drawn from muggle analogies. The first of them are western films. Duels with guns last a bare few seconds. The champion is the faster draw or the one with the best aim. That is so because it's impossible to dodge a bullet from the moment it has been shot. Neural impulses do not travel so fast.

Most essays on this site admit that magic is a form of energy. I agree, but it is by no means ordinary as long as muggle forms of pure energy travel at light speed. It follows that, regardless of how powerful your enemy is - say, Voldemort - if you were face to face with him and you managed to cast a spell before he did, his being stronger wouldn't matter: he wouldn't be able to dodge, deflect, or shield himself against it. The same happens with laser pistols in sci-fi films. Once the ray, bullet, or spell leaves, they travel too fast to allow a reaction from the target. Duels would be as boring as they are in muggle world.

So we must admit that, for duels to work properly in Harry's world, there must be time for a wizard to see what is coming, to think of a defence, and to employ it - almost a second's time of brain processing. At light speed, the spell would have already reached the moon.

Not surprisingly, in OP35,OP36 duels in the Department of Mysteries are much like fencing or throwing things at each other: people have time to duck, to warn someone there's a spell coming, to predict what the enemy is up to, and to react faster, even to elbow someone away. Malfoy has time to deflect Bellatrix Lestrange's spell. She, in her turn, can deflect a jinx from Dumbledore while running away from him. I like to think that magic in Rowling's books, although described as flows of sparks most of the time, are not usual energy. A good speed to ascribe to them is that of a ball, a basket-, foot- or volleyball. Sometimes, as in the books, they're so fast you only have time to duck, while at other times you can stop and consider: "Should I try a shield charm or deflect it?"

Surely, Rowling's magic seems pretty material rather than energetic: streams of light do not interfere with each other except for very specific situations. You can't deflect the light of a torch, can you? In Harry Potter's world, they collide, bounce, make you hair stand up while they pass by you. That's why the distance between both parties in a duel matters. I believe that only spells such as Lumos involve pure energy, and they are of little use in a duel. Wingardium Leviosa, Alohomora, and the Imperius and Cruciatus Curses also seem to be almost instantaneous, but it appears that to cause permanent or long-lasting physical damage the spell needs to be somewhat material as well.

Those effects can't even be associated with a single state of matter. Only solid things bounce, but only gaseous things can make your hair stand up. This idea matches well with another previously stated elsewhere in this site: magic is a form of energy that can be interconverted with matter at will. Magic is just something different; it's not energy, solid, liquid or gas, but it can manifest itself as any of them. Examples of this behaviour

When the fake Moody demonstrates Avada Kedavra for the first time, it is described as something enormous that crosses the room;

In book 4, Harry's and Malfoy's spells deflected themselves mutually, hitting Goyle and Hermione;

Dumbledore's spell in OP36 elicited a gong note on Voldemort's shield;

in the DA's Expelliarmus lesson, the wrong spells are described as gusts of wind passing through the person to whom they were intended.

One can say: "well, then between a muggle with a gun and a wizard, I would bet in the muggle". Not necessarily. As one essay in this site has already stated, there seems to be a natural, magical protection against muggle accidents in that world. If a car crash would never have killed Lily and James Potter (SS4), why would a gun kill a wizard? Most certainly they would change their course and avoid him. It's possible to physically hurt a wizard without a wand, as Harry discovered to his cost in his life with the Dursleys, but that must be because this sort of protection must only work in cases of extreme danger.

So doesn't speed make any difference in the wizard world? I wouldn't say so. Those wizards who are able to concentrate hard enough can cast many spells without uttering magical formulas, as we have seen in one fine piece of duelling, between Voldemort and Dumbledore (OP). That saves time and might be valuable.








Info
Stai guardando TID 5106
(EID 46 - REV 1 By Marina_Lightwood)
August 10, 2017

R0 R1

12676 visualizzazioni

Modifica