Ginny Weasley: Una Grifondoro e una Compagna Perfetta per Harry.

(anche Ginny Weasley: A Gryffindor and a Match for Harry by Tim Lambarski)
    Pagina Catalogata come Supposizioni, teorie, approfondimenti

Proveniente da ricerca Harry Potter e il principe mezzosangue - Vedi alternative


Nel suo saggio “Ginny Weasley, Perché?” su “The Harry Potter Lexicon” nell’Ottobre del 2003, l’autrice Water Witch presentò una sorprendentemente astuta valutazione dell’importanza di Ginny Weasley — sorprendente perché, seppure l’articolo venne scritto dopo la pubblicazione di Harry Potter e l’Ordine della Fenice, esso precedette Harry Potter e il Principe Mezzosangue. Anche se la Rowling definisce finalmente la personalità di Ginny ne L’Ordine della Fenice, ci sono pochi indizi, anche se esistono, che lei diventi l’amore di Harry. Water Witch sostiene che JKR svii continuamente la nostra attenzione da Ginny nei primi romanzi mentre ne suggerisce l’importanza a partire dalla prima scena in cui compare, affermando che Ginny che corre dietro il treno (HP PF6) è una “pseudo scena d’amore” che ha luogo in una stazione, un tradizionale posto di incontri amorosi, e alludendo al luogo dove i genitori di JKR si sono incontrati.
Se noi avessimo avuto la conoscenza dei personaggi che aveva JKR sin dall’inizio, avremmo individuato un altro indizio sin da subito. Harry è un esempio del “principe nascosto” visto in molte leggende e fantasy come Taran de “Le cronache di Prydan”, Shasta de “Il cavallo e il ragazzo” e, ovviamente, Re Artù. [1] Harry, come Artù, è “Il Prescelto”, il bambino predestinato. Come Artù era l’unico e solo a poter estrarre la spada dalla roccia, così Harry è l’unico che ha potuto tirar fuori la Pietra Filosofale dalla sua tasca. Essendo stati informati da JKR sul suo WEB LINKsito internet che Ginny è l’abbreviazione di Ginevra, e non Virginia, dobbiamo solo notare come Ginevra fosse anche il nome della sposa di Re Artù per capire che come Ginevra era fatta per Re Artù, così Ginny è l’unica che può essere la regina di Harry. [2]
La Rowling ha sviluppato il carattere di Ginny lentamente nel corso dei libri, dandole una personalità che fa di lei la compagna perfetta per Harry. Qui sotto tratteggio il modo in cui JKR è riuscita a fare questo e concludo con qualche possibilità per gli sviluppi, legati a Ginny, del Settimo Libro.

Ginny nei primi sei libri.
Ginevra è sia una Weasley sia una Grifondoro: coraggiosa, di talento e birichina. Nei primi tre romanzi la Rowling ci fornisce alcune false piste che suggeriscono che Ginny sia una mammoletta, un’adolescente malata d’amore o una vittima facile da ingannare. Comunque, se ci ricordiamo che la Rowling ammira la scrittrice di gialli Dorothy L. Sayers, e ha indubbiamente imparato qualche lezione sullo sviamento, una lettura più attenta di questi libri rivela la curiosità, l’ardimento e il senso dell’umorismo di Ginny.
Quando incontriamo per la prima volta Ginny, in Harry Potter e la Pietra Filosofale, sta pregando di poter andare a Hogwarts con i suoi fratelli nonostante non sia grande abbastanza, e vuole salire sul treno per vedere Harry con i suoi occhi (HP PF6). Oltre alle note di Water Witch circa l’importanza romantica della scena della stazione, dovremmo notare l’importanza del fatto che Ginny sia la prima dei ragazzini Weasley a parlare quando dice alla mamma il numero del binario da cui sarebbe partito il treno: “‘Nove e tre quarti!’ disse con vocina stridula una ragazzina, anch’essa con i capelli rossi…” (HP PF6). Possiamo vedere che lei ha una mente sua a dispetto (o forse è la causa) dell’attitudine protettiva della madre nei suoi confronti. La Rowling ci lancia continuamente delle false piste — ce la mostra mentre tiene per mano sua madre e mentre piange quando il treno parte (HP PF6) — non volendo anticiparci il suo personaggio troppo presto. Non vediamo Ginny un’altra volta se non alla fine del libro quando urla “Eccolo, mamma, è lì, guarda!” (HP PF17). Qui, di nuovo, vediamo il suo buon umore e curiosità. Solo tempo dopo lei diventa timida e imbarazzata con Harry.
Mentre Ginny appare solamente in 4 pagine in HP PF [3], arriva presto sulla scena in Harry Potter e la Camera dei Segreti, e, nel confronto tra i primi quattro libri, è questo il suo ruolo più importante: Ginny appare in 33 pagine su 341 (edizione UK). Sebbene sia impacciata con Harry, arrossisca e sia goffa, viene descritta con “occhi scuri e luminosi” (HP CS3). Dobbiamo ricordarci che ogniqualvolta la Rowling descriva qualcosa quando Harry è presente, è come se vedessimo attraverso i suoi occhi. Nel paragrafo successivo, Ron fa una battuta “E’ strano che sia così timida. Di solito non sta mai zitta…”. Poi di nuovo, il gomito nel burro, la ciotola di porridge che cade dal tavolo, le volte in cui arrossisce e l’incapacità di parlare (HP CS4) — sono tutte false piste.
Ginny ha bisogno dei commenti offensivi di Draco per tirare fuori il suo vero carattere. Quando Malfoy osserva che Harry è sempre sulla copertina dei giornali, lei se ne salta su dicendo “Lascialo in pace, non è stato lui a volere tutto questo!” (HP CS4). Questa è la prima volta in cui lei parla di fronte a Harry ed è premiata da Malfoy che la chiama “la ragazza di Harry”. La sua uscita ci mostra che capisce Harry in un modo che non ci aspetteremmo. Ovviamente, lei lo ha osservato e ha riflettuto sulla sua situazione.
Anche se è lei he gioca il ruolo principale alla fine della storia, la Rowling la tiene sulla sfondo, permettendole di entrare in scena per brevi momenti, 8 pagine, prima di mettere in atto il confronto finale in cui si approcci a Harry e Ron a colazione, di quel giorno fatale, tentando di confessare il suo coinvolgimento nell’apertura della Camera dei Segreti (HP CS16). In Harry Potter e la Camera dei Segreti, la Rowling ha creato una connessione tra Harry e Ginny facendo di lei l’unico altro studente del loro tempo a essersi confrontata con Riddle/Voldemort e che ha provato l’esperienza di avere il Signore Oscuro nella sua testa.
Vale la pena notare il comportamento di Harry nei confronti di Ginny ne “La Camera dei Segreti”. Per tutto il romanzo è molto sensibile ai sentimenti della ragazzina. Le parla alla Tana; ignora la sua goffaggine, e le parla tranquillamente quando lei va da loro a esporre le sue paure. Se vediamo Ginny come una mammoletta a Hogwarts, dobbiamo ricordarci che è una studentessa del primo anno (Harry, Ron e Hermione erano insicuri durante il loro primo anno), e che è stata posseduta da Riddle. Silente dice “Maghi più vecchi e saggi di lei sono stati messi nel sacco da Voldemort” (HP CS18).
In Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban, la Rowling mette di nuovo Ginny sullo sfondo e viene menzionata solo in 15 pagine; tuttavia c’è un sottile cambiamento. La mamma è ancora protettiva, infatti non la fa entrare in una tomba Egizia (HP PDA1), ma non è un dato sorprendente visto il fatto che è scampata alla morte solo due mesi prima. Nonostante questo, però, lei sembra “più imbarazzata del solito” quando vede Harry al Paiolo Magico (HP PDA4), la vediamo anche ridacchiare insieme con sua mamma ed Hermione (HP PDA5), e poi incrociare lo sguardo di Harry mentre ridono insieme di Percy (HP PDA5).
Sul treno, JKR crea una connessione tra Harry e Ginny dopo l’attacco dei Dissennatori. Harry chiede se qualcuno si è sentito male tanto quanto lui. Ginny, “rannicchiata nel suo angolino con l’aria sconvolta quasi quanto Harry, ruppe in un piccolo singhiozzo” e Ron dice “Ginny tremava come una foglia, però…” (HP PDA5). Forse lei è stata più colpita degli altri perché i Dissennatori sono stati in grado di tirare fuori i suoi ricordi del periodo in cui era stata posseduta da Voldemort.
Più tardi nel libro, scopriamo che lei è ancora interessata a Harry quando mette insieme tutto il suo coraggio per dargli un biglietto musicale in infermeria (HP PDA10). Comunque, la Rowling azzera qualunque altro pensiero lungo questa linea lasciando Ginny fuori quasi interamente dalle 200 e qualche pagina finali del libro. Nella mia lettura, vedo il suo nome solo una volta nel momento in cui rimprovera Fred per la sua insensibilità nei confronti di Crosta (HP PDA13).
In Harry Potter e il Calice di Fuoco, la Rowling fa emergere Ginny presto, a partire dal quinto capitolo. Ginny è presente in molte delle scene alla Tana e alla Coppa del Mondo di Quidditch, anche se la vediamo di più nella prima parte di queste sezioni e molto di meno nella parte finale. La prima volta che vediamo Ginny, lei sta scendendo le scale per andare in cucina con Hermione, implicando il fatto che siano amiche. Lei diventa paonazza quando Harry le sorride, facendo capire che non ha ancora il controllo dei suoi sentimenti per lui, ma quando salgono tutti in camera di Ron, lei si unisce alla conversazione. Scopriamo anche che è stata lei a dare il nome a Leotordo, sottolineando la sua intelligenza e senso dell’umorismo (HP CDF5).
Dopo questo, la vediamo sempre meno. Nonostante lei vada alla Coppa del Mondo di Quidditch, non è con il Trio dinamico mentre passeggiano per i campi prima dell’inizio della partita, e neanche dopo di essa durante l’incidente con Winky e il Marchio Nero. Viene vista molto poco dopo che ritornano alla Tana e non è coinvolta in nessuna delle scene sul treno per Hogwarts.
Ginny non compare di nuovo sino a che in HP CDF22 non dice che Ron ha chiesto a Fleur di andare al Ballo del Ceppo con lui. Parlano del ballo e, quando Ron suggerisce a Harry di andarci con Ginny, scoprono che lei ha già accettato l’invito di Neville. Lei se ne va con un’aria “estremamente triste”. E’ grazie alla sua reputazione che lei non coglie l’occasione al volo e non scarica Neville. Mostra carattere nel mantenere la parola data. Dopo il ballo non vediamo di nuovo Ginny per circa 200 pagine. Si unisce alla famiglia per pranzo quando Bill e la Signora Weasley vanno a trovare Harry come sostituti dei parenti (HP CDF31). E’ forse una premonizione il fatto che la Signora Weasley veda Harry come un figlio. E’ persino fredda nei confronti di Hermione fintanto che Harry non mette in chiaro che non stanno insieme, come invece raccontato da Rita Skeeter.
Non vediamo Ginny di nuovo, ne “Il Calice di Fuoco”, nemmeno durante il viaggio in treno di ritorno a casa. La Rowling apparentemente tener lontana la nostra attenzione da Ginny finché non ci presenterà la nuova Ginny in Harry Potter e l’Ordine della Fenice quando, in HP ODF4, come Water Witch mette adeguatamente nel suo saggio, Ginny “prorompe letteralmente sulla scena con una criniera di capelli rossi”. Secondo il mio conteggio, mentre Ginny è coinvolta in una trentina di pagine ne “Il Calice di Fuoco”, ne popola circa 120 ne “L’Ordine della Fenice”.
Quando Ginny arriva sulla scena, lei ha un nuovo programma. Saluta Harry “allegramente” e si unisce immediatamente alla conversazione (HP ODF4). E’ da notare che lei ha aspettato finché Harry non ha finito la sua invettiva contro Ron ed Hermione, ma a differenza di Fred e George, che rimproverano Harry, lei dice semplicemente “Ho pensato di aver sentito la tua voce”. E’ come se lui fosse solo un altro amico. Come impariamo molto dopo, lei è stata consigliata da Hermione, la quale dice che Ginny ha lasciato perdere Harry da mesi. “‘Non che non ti voglia bene, è ovvio’ disse con gentilezza a Harry…” (HP ODF16).
Come sempre, Ginny è sensibile ai sentimenti di Harry aspettando sinché non ha finito la sua discussione e non la menziona. Più tardi, lei è anche capace di sedare un’altra potenziale discussione quando lo interrompe: “‘Lo sappiamo, Harry’ disse Ginny con entusiasmo” HP ODF4). Il lettore attento noterà che la sua attenzione è sempre puntata su Harry. Un altro di questi esempi ci arriva dopo che Ginny ha catturato il Boccino d’Oro contro Tassorosso. Lei minimizza il suo risultato e dice ad Harry che preferirebbe essere una Cacciatrice una volta che Harry tornasse in squadra. Quando Harry si lamenta circa la sua espulsione a vita, lei gli dice che sarà solo fintanto che ci sarà la Umbridge (HP ODF26). Un esempio precedente si ha sul treno quando Ron ed Hermione devono lasciare Harry per andare nel compartimento dei Prefetti. Ginny, forse vedendo il disappunto di Harry, suggerisce immediatamente di cercare un compartimento per loro due (HP ODF10) anche se lei si stava vedendo con Michael Corner (HP ODF17).
In questo libro la Rowling rende chiara la forte connessione fra Harry e Ginny per via del fatto che solo loro due hanno avuto Voldemort nella loro testa. Dopo l’attacco al Signor Weasley quando Harry è disgustato all’idea di vedere i suoi amici o esprime i suoi timori sul fatto di essere posseduto, Ginny lo affronta. “‘Be’, sei stato proprio stupido’ replicò Ginny arrabbiata, ‘visto che io sono l’unica persona che conosci che è stata posseduta da Tu-Sai-Chi e posso dirti che cosa si prova’” (HP ODF23).
Per avere degli indicatori, in Harry Potter e l’Ordine della Fenice, che dimostrino che la Rowling sta portando avanti Ginny come uno dei maggiori personaggi del libro, ci basti notare le sue scene con Harry in cui non è più timida e contribuisce alle conversazioni (HP ODF4), si siede con Harry e Neville sul treno (HP ODF10), viene osservata da Harry mentre si fa strada durante le lezioni dell’Esercito di Silente (HP ODF18), ricorda a Harry che lei sa cosa voglia dire essere posseduti (HP ODF23), e fa una buona impressione su Harry con la sua performance di Quidditch contro Tassorosso (HP ODF26). Tuttavia, la scena che racconta di più questa situazione è quella che avviene quando Harry non c’è, ma gli viene raccontata da Ron. Nella descrizione della partita di Quidditch contro Corvonero, lui dice ad Harry che Ginny ha soffiato il Boccino d’Oro proprio da sotto il naso di Cho (HP ODF31). Se si scambia la parola “Boccino” con “Harry”, si può vedere l’azione come una metafora del fatto che Ginny soppianterà Cho negli affetti di Harry.
Uno dei maggiori temi de L’Ordine della Fenice è la rivelazione del personaggio di Ginny. La Rowling ce la mette tutta per rivelare la vera Ginny nel corso del libro. In HP ODF4, Ginny dice loro che ha lanciato delle Caccabombe alla porta della cucina (birichina, piena di risorse). In HP ODF6, George dice che la taglia non è garanzia di potenza; si guardi alla Fattura Orcovolante di Ginny (di talento, ha fegato). Di nuovo in HP ODF6, lei spegne il carillon incantato (sensibile, razionale). In HP ODF10, lei pulisce la Puzzalinfa con un Gratta e Netta (capace). In HP ODF16, lei dice “Hem, hem” in un’imitazione della Umbridge (senso dell’umorismo, buona mimica). In HP ODF18, lei suggerisce il nome “Esercito di Silente” (intelligenza, intuizione), ed è vista “fare molto bene” nell’E.S. (di talento, impara velocemente). In HP ODF26, Hermione dice che Ginny faceva irruzione nel capanno dall’età di sei anni per usare le scope dei fratelli e allenarsi a Quidditch (piena di risorse, coraggiosa). In HP ODF29, lei dice di aver imparato da Fred e George che tutto è possibile se si ha fegato (coraggio, ottimismo). In HP ODF32, lei è d’accordo di aiutare Harry con il piano per contattare Sirius (fervore, entusiasmo), e più tardi la si vede mentre tenta di tirare calci agli stinchi di chi l’ha catturata (senza paura, ribelle). In HP ODF33, lei non sarà lasciata indietro (coraggio, determinazione).
E’ divertente fare speculazioni sul perché Ginny abbia aspettato che Cho uscisse dallo scompartimento del treno per ripulire Harry dalla Puzzalinfa. Lei sta uscendo con Michael Corner e non sembra essere gelosa di Cho, la informa del primo incontro dell’E.S. (HP ODF18) e più tardi consola Harry dicendogli “Sono sicura che se solo ne parlassi con Cho…” (HP ODF29). Sappiamo, però, che lei non ha totalmente “lasciato perdere” Harry, quindi non si preoccupa se Cho lo vede in una luce un po’ meno perfetta.
La Rowling ci ha presentato gradualmente il vero personaggio di Ginny per prepararci alla sua inclusione nell’episodio al Ministero. Anche se Harry riflette sul fatto che, se avesse potuto scegliere chiunque cui chiedere aiuto, non avrebbe chiesto a Neville, Luna e Ginny (HP ODF33), loro, però, si sono dimostrati abbastanza competenti nelle loro lezioni nell’E.S. e i più zelanti tra i membri dell’E.S. Il fatto che il personaggio di Ginny sia il più sviluppato dei tre indica la sua importanza nei piani della Rowling. Lei, come gli altri, si comporta bene al Ministero rifiutandosi di rimanere nel corridoio come guardia (HP ODF34), mantenendo lucidità (HP ODF34), e dimostrando fermezza e determinazione dopo che si è rotta la gamba (HP ODF35).
Tutto questo episodio ricorda sia i Vangeli con il loro messaggio che i deboli sono usati per confondere i forti, e Il Signore degli Anelli dove quelli apparentemente deboli — gli Hobbit e la donna Eowyn — sono quelli che salvano la Terra di Mezzo.
Tutti e sei i “Moschettieri” sono insieme in infermeria mentre Hermione legge la Gazzetta del Profeta (HP ODF38). Ginny, la cui “caviglia era stata guarita in un baleno”, racconta gli eventi avvenuti nel frattempo ai pazienti, e fa delle acute osservazioni sulle condizioni di Gazza e della Umbridge (HP ODF38). Il Trio, però, non è diventato un sestetto; Harry pensa di dire solo a Ron ed Hermione della profezia che aveva sentito da Silente (HP ODF38). Lui non è pronto a includere Ginny o gli altri nel gruppo di base.
Sul treno verso casa, Ginny informa i sui compagni che ha lasciato Corner e sta uscendo con Dean Thomas (HP ODF38). Può essere significativo che Luna non è presente con Harry, Ron ed Hermione sul treno per tornare a Londra mentre Ginny e Neville ci sono. Certo, il papà di Luna potrebbe averla presa a Hogwarts per la loro vacanza sulle orme dei Riccio-Corni Schiattosi, ma la Rowling potrebbe avere usato questa scena per puntare sull’importanza di questi due nell’episodio finale della serie: Neville come il ragazzo che avrebbe potuto essere scelto e Ginny come anima gemella di Harry.
In Harry Potter e il Principe Mezzosangue, la vera posizione di Ginny viene finalmente rivelata anche se impiega 485 pagine per accadere finalmente. Ne L’Ordine della Fenice la Rowling sviluppa il personaggio di Ginny; in questo libro, sviluppa i sentimenti di Harry per Ginny e il suo rendersi conto che lei è quella giusta per lui. Ginny viene vista molto di più che in ogni altro libro, ne Il Principe Mezzosangue. Anche se viene coinvolta solo in circa 100 pagine rispetto alle circa 120 de L’Ordine della Fenice, lei prende una più grande percentuale di ogni pagina. In più, dal momento che Il Principe Mezzosangue è circa 200 pagine più corto de L’Ordine della Fenice, quelle circa 100 pagine sono una più grande percentuale del libro.
Siccome i primi quattro capitoli riguardano altri argomenti, Harry non vede Ginny sino a HP PM5 quando lei entra in camera di Harry alla Tana. La Rowling più tardi rivela la personalità di Ginny sempre coi piedi per terra. Lei è molto critica circa la pretenziosità di Fleur, la chiama Flebo, e fa un’imitazione umoristica dei suoi modi di fare (HP PM5). L’intenzione principale della Rowling, però, è quella di mettere insieme Harry e Ginny, così li fa essere pappa e ciccia alla Tana, condividono una battuta su Fleur e giocano ogni giorno a Quidditch con Ron ed Hermione (HP PM7). Il Signore e la Signora Weasley portano loro quattro a Diagon Alley dove passano altro tempo insieme, specialmente al negozio di scherzi di Fred e George (HP PM6). Comunque, è significativo che quando il Trio affronta Draco e sua mamma e quando seguono Draco, Ginny non è con loro.
Sul treno per Hogwarts, Harry chiede a Ginny di sedersi con lui, ma lei rifiuta dicendo che aveva promesso di sedersi con Dean (HP PM7). Io penso che lei sappia istintivamente che otterrà di più a non essere troppo ansiosa, a non scaricare qualcuno per Harry e facendogli provare un po’ di solitudine. Harry, dal canto suo, prova uno “strano moto d’irritazione” mentre la guarda allontanarsi e nota “i lunghi capelli rossi che le danzavano sulle spalle”. Lui si è abituato alla sua presenza e si è dimenticato che lei non frequentava il Trio a scuola. Questo ricorda quasi il Professor Henry Higgins in My Fair Lady che ammette che si è “abituato a vedere la sua faccia”.
Un altro esempio della crescente affezione di Harry per Ginny, anche se lui ne è ancora incosciente, arriva quando lui annusa la pozione d’amore a lezione. Tra le altre cose che gli piacciono, essa gli fa tornare in mente un profumo di fiori che si ricorda dalla Tana (HP PM9). Come Hermione evidenzia, l’Amortentia profuma in maniera differente per ciascuno “a seconda di ciò che ci attrae di più” (HP PM9). Più tardi, Harry sente una sci di questo stesso profumo floreale quando Ginny arriva dietro di lui (HP PM9).
Grazie alla sua “prodigiosissima” Fattura Orcovolante Ginny diventa un membro del Lumaclub (HP PM7). Apparentemente, lei è molto popolare anche senza il Professor Lumacorno. Fred e George le fanno domande sui ragazzi (HP PM6) e Pansy Parkinson dice che Ginny piace ai ragazzi, persino Blaise pensa che lei sia di bell’aspetto (HP PM7). La scopriamo circondata da amici sul treno, in Sala Grande e in Sala Comune.
La Rowling tiene Ginny nel quadro man mano che la storia prosegue. Lei è abitualmente mostrata sotto una luce positiva davanti a Harry come quando è la migliore alle prove del Quidditch e fa 17 goal (HP PM11). JKR, però, le fa fare anche altre cose per tenerla nel quadro: la fa giocare con Arnold, la sua Puffola Pigmea (HP PM11), le fa consegnare una lettera di Silente a Harry (HP PM12), la fa allenare con la squadra (HP PM14), e giocare contro Serpeverde (HP PM14). Più tardi, la Rowling fa fare da Luna i complimenti a Harry per Ginny, dicendo che quest’ultima è stata carina a fermare due ragazzi dal chiamarla Lunatica (HP PM15).
Nel frattempo, Harry comincia a essere cosciente dei suoi sentimenti per Ginny. Harry le chiede di andare a Hogsmeade con loro, ma lei rifiuta dicendo che ci andrà con Dean. Quando lui non la vede là, si chiede se lei si sta mettendo comoda con Dean alla Sala da Tè di Madama Piedibrurro, e si incupisce (HP PM12). Più tardi, Harry pensa di mettere Dean in squadra. Quando Harry e Ron si imbattono in Ginny e Dean che si baciano dietro un arazzo, “fu come se qualcosa di grosso e squamoso avesse preso bruscamente vita nello stomaco di Harry”, e Harry vuole “trasformare Dean in un budino”. Durante l’accesa discussione tra Ron e Ginny, Harry prende le parti di Ron nella sua mente, con la speranza che la relazione finisse. Lui cerca di dirsi che è indignato perché la vede come una sorella, ma non ne è convinto. Si vede mentre la bacia e Ron si arrabbia con lui. Harry non riesce a togliersela dalla testa quando prova a dormire (HP PM14).
L’affetto di Harry per Ginny continua a crescere ma lui continua a non essere sicuro dei suoi sentimenti. Dopo la partita di Quidditch quando Ginny va contro il podio del cronista che crolla attorno a Zacharias Smith, Harry e Ginny si abbracciano, ma lui la lascia andare molto in fretta. Più tardi, quando lui urta Ginny, e lei dice “bella partita”, e gli dà un colpetto sul braccio, lui sente “lo stomaco sprofondare” (HP PM14). Poi, con l’imminente festa di Natale di Lumacorno, Harry dice che non ha nessuno da invitare mentre ancora tenta di non pensare a Ginny, ma lei continua a comparire nei suoi sogni (HP PM15). Etornati alla Tana per Natale, quando Ginny toglie un verme dai capelli di Harry, lui sente “sul colla una pelle d’oca che non aveva niente a che fare col verme” (HP PM16).
Per quando tornano a scuola, Harry apparentemente non ha più alcun dubbio sul fatto che i suoi sentimenti per Ginny non siano fraterni. Di qui, la Rowling inizia a muovere gli eventi più velocemente nello sviluppo della loro relazione. Quando lei esce per vedere Dean, Harry pensa che non suoni entusiasta (HP PM17), e quando in infermeria Ron gli dice che Ginny è venuta a trovarlo mentre era incosciente, la sua immaginazione “schizzò a velocità stellare” edificando una scena in cui Ginny in lacrime sul suo corpo inerme confessava i suoi sentimenti per lui (HP PM19). Poi, quando Hermione gli dice che Ginny ha litigato con Dean “la creatura che sonnecchiava nel petto di Harry alzò all’improvviso la testa, annusando l’aria, speranzosa” (HP PM20). Harry ha pensato di usare la Felix Felicis per avere Ginny (HP PM22). Finalmente, quando Hermione dice a Harry che Ginny e Dean si sono lasciati, le viscere di Harry cominciano a ballare la conga (HP PM24). Lui, però, sta ancora avendo un dibattito nella sua mente circa il modo in cui Ron avrebbe potuto prendere il fatto che Harry e Ginny uscissero insieme (HP PM24).
Adesso la Rowling ha davvero lanciato la palla — o fatto volare la Pluffa — e sta correndo al goal. Dopo la rottura con Dean, lei diventa l’anima degli allenamenti (HP PM24), imitando Ron e Harry sul campo, e Harry è contento di avere una scusa innocente per guardarla e ridere. La battaglia, però, continua a infuriare nella sua testa — Ron o Ginny? Parlarle, ridere con lei, camminare con lei per andare agli allenamenti, lui ha paura che qualcun altro possa chiederle di uscire. Nella sua mente è d’accordo con Ron sul fatto che lei sia troppo popolare per il suo stesso bene (HP PM24).
Lui spera che vincere la successiva partita di Quidditch voglia dire vincere anche Ginny (HP PM24). Infatti, è esattamente quello che capita, ma non nella maniera aspettata. Harry si perde la partita a causa della sua punizione, ma Grifondoro vince ugualmente con Ginny come Cercatrice. Dopo la partita, in quella che è probabilmente la scena più ovvia che si possa immaginare, Ginny corre incontro a Harry con “un’espressione dura, splendente, e lo abbracciò. E senza riflettere, senza averlo premeditato, senza preoccuparsi del fatto che cinquanta persone li stavano guardando, Harry la baciò.” Ron fece un piccolo cenno col capo che significa “Be’… Se proprio devi” e la creatura nel petto di Harry ruggisce trionfante (HP PM24, vi è più enfasi nell’originale).
Le poche settimane seguenti sono pura beatitudine per Harry e Ginny, ma sappiamo che la beatitudine non può durare. Ci sono gli Horcrux e il complotto di Malfoy presto porterà il disastro. Prima che Harry se ne vada con Silente, lascia la Felix Felicis a Ron e Hermione dicendo loro di radunare l’E.S. e di condividere la pozione con Ginny (HP PM25). Lui sa che Ginny risponderà alla chiamata e vuole che sia al sicuro. Quando Harry corre nella torre inseguendo Piton, Ginny sta combattendo il Mangiamorte goffo e scansa tutte le sue maledizioni (HP PM28). Harry si ferma giusto il tempo di lanciargli un incantesimo. La pozione sembra stia funzionando per Ginny. Quando il combattimento è finito e Harry è come intorpidito di fianco al corpo di Silente, è Ginny che lo solleva e lo porta via. Lui sa della sua presenza solo perché sente un pizzico di profumo floreale (HP PM29). La Rowling ha detto in un’intervista che Ginny è un personaggio davvero forte, e lo vediamo qui una volta di più. Lei è abbastanza forte da dire a Harry quello che è capitato a Bill (HP PM29). Bill è forse il suo fratello preferito. In precedenza, l’abbiamo vista difendere la coda di cavallo di Bill in due occasioni e una volta abbracciarlo prima di salire sul treno. Lei è anche quella che dice a Ron che Silente è morto e che poi sussurra a Madama Chips “Shh” quando sente il canto della Fenice (HP PM30). In questo momento di shock, lei sembra quella più in controllo.
La felicità per Harry e Ginny si conclude quando, dopo il funerale, in una scena che ricorda Peter Parker che protegge Mary Jane dalle conseguenze dell’essere la ragazza di Spiderman, Harry allo stesso modo dice a Ginny che devono smettere di vedersi. Harry sa che Voldemort la userebbe per arrivare a lui e, anche se lei non ha paura, lui le fa capire che non potrebbe sopportare il fatto di vederla stare male. Ginny dice a Harry che lei sapeva che lui non sarebbe stato contento se non avesse dato la caccia a Voldemort, e forse è per quello che le piace così tanto (HP PM30).
Tornando a HP PM29, a una delle scene più toccanti di tutta la saga, scopriamo che l’amore di Fleur per Bill e la profondità del suo personaggio sono stati mal giudicati da tutti. Ginny è stata particolarmente critica nei confronti di Fleur, ed è meravigliata quando le vede abbracciarsi piangendo (HP PM29). Scopriamo, forse per la prima volta, che Ginny non è perfetta. La Rowling, forse prendendo una pagina da una delle sue autrici preferite, Jane Austen, mostra che Ginny Weasley, come Elizabeth Bennett in Orgoglio e Pregiudizio, è colpevole di pregiudizio e illusione. Lontana dal voler diminuire il valore di Ginny, l’episodio costruisce il suo personaggio fornendole più maturità per il fatto di aver accettato Fleur come futura moglie del suo amato fratello (HP PM29).
Un altro paio di osservazioni sono dovute. In primo luogo, Harry non ha detto a Ginny degli Horcrux. Questo è coerente con il volere di Harry di proteggerla e prevenire il fatto che possa essere usata da Voldemort. In secondo luogo, il fatto che Ginny usi il nome Voldemort quando dice che Harry gli darà la caccia (HP PM30) di nuovo testimonia il suo coraggio, il suo buonsenso e la sua connessione con Harry. Lei non ha paura di dire il suo nome; lei stessa si è imbattuta in Voldemort ed è sopravvissuta. Infine, Ginny conferma quello che Harry ha imparato tempo prima da Hermione: Ginny si è ritirata dal “culto di Harry”, ha provato a uscire con altri ed è diventata più se stessa con Harry. Lui, però, non ha mai smesso di piacerle (HP PM30).

Ginny nel settimo libro.
Se qualcuno sta ancora pensando che Hermione sia innamorata di Harry e che sia quella giusta per lui, le sue azioni nel consigliare Ginny e i suoi sorrisi ‘intesa quando Harry dimostra interesse per Ginny dovrebbero disperdere tutte queste speranze. Possiamo solo tirare a indovinare quello che succederà nell’ultimo volume della saga. La Rowling non nasconderà di nuovo Ginny; lei è diventata troppo importante. Quello che provano Harry e Ginny, poi, non è l’infatuazione che avevano l’uno per l’altra Harry e Cho. Harry e Ginny sono bene assortiti e la loro giovane età fa poca differenza. Ci sono precedenti di amori giovanili nel mondo magico — dopotutto, i ragazzi diventano maggiorenni a diciassette anni. Harry avrà 17 anni e Ginny 16 nel giro di due mesi. Sia James e Lily Potter che Arthur e Molly Weasley si sono innamorati mentre erano ancora a scuola.
Nel confronto finale, non penso che Jo prenderà la via più facile, imitando centinaia di altre storie, mettendo Ginny in pericolo per far sì che Harry la salvi. Potrei sbagliarmi, ovvio, ma Jo non fa spesso le cose nella maniera più usuale. Lei ha già usato questa carta quando Harry ha tentato di salvare Sirius. Penso, infatti, che Ginny avrà un ruolo importante nella caduta di Voldemort. La Rowling stessa ha detto che da lei, essendo la prima Weasley donna da generazioni, ci si potrà aspettare che sia una strega di talento.
Anche se alcuni hanno pensato che Harry possa morire nello sconfiggere Voldemort, penso che ognuno preferisca che Harry viva per sempre felice e contento; per alcuni è con Ginny, per altri con Hermione. Alcuni, poi, preferiscono un Harry, più saggio e maturo, senza nessuno al suo fianco ma che guarda impaziente verso il futuro. Non saremo tutti soddisfatti, ma fintanto che l’ultimo libro non verrà pubblicato, possiamo tutti permetterci le nostre fantasie.
Al di là di Harry e Ginny, le mie personali speranze sono che Luna e Neville si innamorino e che la fede di Luna venga giustificata, con un Horcrux di Voldemort che viene impalato su un Ricciocorno Schiattoso.


______________________________________________________

Note:
[1] Aragorn ne “Il Signore degli Anelli” è anche lui un “principe nascosto”, ad eccezione per il fatto che è un adulto e sa chi è.
[2] Non spingiamoci più in là di così con questa analogia. La Rowling non mette in parallelo le trame di vecchie storie, ma le usa solo per simboli e allusioni. Pertanto non c’è ragione di credere che Ginny sarà infedele nei confronti di Harry così come lo era stata Ginevra nei confronti di Artù. Dopotutto, Ginny ha scelto Harry sin dall’inizio, a differenza di Ginevra che era stata fidanzata con Artù ancora prima che si incontrassero. E’ da notare anche che Eilonwy, Aravis e Arwen non sono mai state infedeli.
[3] Farò un elenco di pagine in cui lei appare in ciascun libro. Il mio conto può variare da quello di altri perché ho tenuto in conto delle pagine solo quando lei veniva nominata o ha battute o azioni. Di conseguenza, anche se lei dovesse essere presente in una lunga scena nella Sala Comune, se lei è nominata solo una volta, io ho contato quella come una sola pagina. Ci sono alcune eccezioni: per esempio, nella scena in cui loro trovano Gilderoy Allock e Neville al San Mungo, la Rowling ha incluso Ginny come il quarto membro del Trio con Harry, Ron, Hermione; quindi lei è integrante nell’intera scena anche se lei non viene nominata in due di queste pagine.






[ORIGINALE]

In her essay Ginny Weasley, Why? published on The Harry Potter Lexicon in October 2003, author Water Witch presented a surprisingly astute evaluation of the importance of Ginny Weasley — surprising because, although the article was written after the publication of Order of the Phoenix, it predated Half-Blood Prince. Even though Rowling finally defines Ginny’s personality in Order of the Phoenix, there are few indicators, though they do exist, that she will become Harry’s sweetheart. Water Witch claims JKR continually misdirects our attention from Ginny in the earlier novels while suggesting Ginny’s significance from her very first scene, claiming that Ginny running after the train (PS6) is a “pseudo lover’s scene” taking place as it does in a train station, a traditional trysting place and alluding to where JKR’s parents met.

If we had possessed JKR’s knowledge of characters from the beginning, we might have perceived another indicator right from the start. Harry is an example of the “prince in hiding” seen in many legends and fantasies such as Taran in The Prydain Chronicles, Shasta in The Horse and His Boy and, of course, King Arthur. [1] Harry, like Arthur, is “The Chosen One,” the child of destiny. As Arthur was the only one who could pull the sword from the stone, so Harry is the only one who could pull the could pull the Sorcerer’s Stone from his pocket. Having been informed by JKR on her WEB LINKwebsite that Ginny is short for Ginevra, not Virginia, we have only to note that Ginevra is Italian for Guinevere to realize that, as Guinevere was meant for King Arthur, so Ginny is the only one fit to be Harry’s queen. [2]

Rowling has developed Ginny’s character slowly through the books, giving her a personality that makes her a fit match for Harry. Below I trace how JKR has accomplished this, and conclude with some possibilities for developments related to Ginny in Book Seven.

Ginny in Books One Through Six

Ginevra is both a Weasley and a Gryffindor: courageous, talented and mischievous. In the first three novels Rowling throws us some red herrings which suggest Ginny is a shrinking violet, a lovesick teenager or an easily duped victim. However, if we remember that Rowling admires mystery writer Dorothy L. Sayers, and has undoubtedly learned some lessons in misdirection, a more careful reading of these books uncovers Ginny’s inquisitiveness, daring and sense of humor.

When we first meet Ginny in Philosopher’s Stone she begs to go to Hogwarts with her brothers even though she is not old enough, and wants to jump on the train to see Harry for herself (PS6). Besides Water Witch’s notes on the romantic import of the train station scene, we should mark the significance of the fact that Ginny is the first of the Weasley children to speak when she tells her mom the number of the train platform: “‘Nine and three-quarters!’ piped a small girl, also red-headed . . .” (PS6). We see that she has a mind of her own in spite of (or perhaps being the cause of) her mother’s protective attitude toward her. Rowling is throwing us some red herrings — showing her holding her mother’s hand and crying when the train leaves (PS6) — not wanting to bring her forward too soon. We do not see Ginny again until the end of the book when she shouts, “There he is, Mom, there he is, look!” (PS17). Here we see again her high spirits and curiosity. It is not until later that she becomes shy and embarrassed with Harry.

While in PS Ginny only appears in 4 pages[3], she arrives on the scene early in Chamber of Secrets, and has her largest role in the first four books: Ginny appears in 33 pages out of 341. Although she is bashful with Harry, blushing and clumsy, she is described as having “bright brown eyes” (CS3). We should remember that whenever Rowling describes something when Harry is present, we are meant to see through his eyes. In the next paragraph, Ron quips, “You don’t know how weird it is for her to be this shy. She never shuts up, normally. . ..” Again, the elbow in the butter, the porridge knocked off the table, the blushes and inability to speak (CS4) — all are red herrings.

Ginny needs the insulting remarks of Draco to bring forth her true colors. When Malfoy claims that Harry is always making the front page, she bursts out, “Leave him alone, he didn’t want all that!” (CS4). It is the first time she speaks in front of Harry, and is rewarded by Malfoy calling her Harry’s girlfriend. Her outburst shows that she understands Harry in a way that we would not expect. Obviously, she has been observing him and contemplating his situation.

Even though she is to play a major role in the conclusion of this story, Rowling keeps her in the background, allowing her to come on stage for brief scenes in only eight pages until setting up the final confrontation by approaching Harry and Ron at breakfast on that fateful day as she tries to confess her involvement in the opening of the Chamber of Secrets (CS16). In Chamber of Secrets, Rowling has set up a connection between Harry and Ginny by making her the only other student of their time to be confronted by Riddle/Voldemort and experience the Dark Lord inside her head.

It is worth noting Harry’s attitude toward Ginny in Chamber of Secrets. Throughout the novel he is sensitive to her feelings. He talks to her at the Burrow; ignores her clumsiness, and speaks quietly to her when she comes to them with her fears. If we see Ginny as a shrinking violet at Hogwarts, we must remember that she is a first year student (Harry, Ron and Hermione were unsure of themselves in their first year), and that she has been possessed by Riddle. Dumbledore says, “Older and wiser wizards than she have been hoodwinked by Lord Voldemort” (CS18).

In Prisoner of Azkaban, Rowling puts Ginny in the background again. She is mentioned in only 15 pages. However, there is a subtle change. Mum is still being protective, not letting her go into an Egyptian tomb (PA1), but this is not surprising in view of her near escape from death only two months earlier. And although she seems “heartily embarrassed” when she sees Harry in the Leaky Cauldron (PA4), we also see her giggling with her Mum and Hermione (PA5), and then catching Harry’s eye as they laugh together over Percy (PA5).

On the train JKR makes a connection between Harry and Ginny after the Dementors’ attack. Harry asks if anyone was affected as badly as him. Ginny, “huddled in her corner looking nearly as bad as Harry felt, gave a small sob,” and Ron says, “Ginny was shaking like mad . . .” (PA5). Perhaps she was affected more than the others because the Dementors were able to pull out the memories of her possession by Voldemort.

Later in the book, we find she is still interested in Harry when she summons the courage to give him a singing card in the hospital (PA10). However, Rowling squashes any further thought along this line by leaving Ginny out almost entirely for the final 252 pages of the book. In my reading, I only saw her name once during this stretch when she reproves Fred for his insensitivity about Scabbers (PA13).

In Goblet of Fire, Rowling brings Ginny out early, starting in GF5. Ginny is in many of the scenes at the Burrow and at the World Cup though we see her mostly in the first part of these sections and very little during the last part. We first see Ginny coming down to the kitchen with Hermione, implying they are friends. She turns scarlet when Harry smiles at her, indicating she has not yet gotten control of her feelings for him, but when they all go up to Ron’s room, she joins in the conversation. We also learn that she has named Pigwidgeon, indicating she has intelligence and a sense of humor (GF5).

After this, we see less and less of her. Though she goes to the Quidditch World Cup, she is not with the dynamic Trio when they walk around the grounds before the match or afterward during the incident with Winky and the Dark Mark. She is seen very little after they return to the Burrow and not involved in any of the scenes on the train.

Ginny does not turn up again until GF22 when she reports that Ron asked Fleur to the Yule Ball. They discuss the ball and when Ron suggests Harry go with Ginny, they learn that she has already agreed to go with Neville. She leaves looking “extremely miserable.” It is to Ginny’s credit that she does not jump at the chance and dump Neville. She shows character in being true to her word. After the ball we do not see Ginny again for 200 pages. She joins the family for lunch when Bill and Mrs. Weasley come to visit Harry as substitute-relatives (GF31). It is perhaps a foreshadowing that Mrs. Weasley thinks of Harry like a son. She is even cold toward Hermione until Harry makes it clear that Hermione is not his girlfriend as Rita Skeeter has reported.

We do not see Ginny again in Goblet of Fire, not even during the train ride home. Rowling apparently wants our attention kept away from Ginny until she brings forward the new Ginny in Order of the Phoenix when, in OP4, as Water Witch aptly puts it in her essay, Ginny “literally bursts upon the scene with a mane of red hair.” By my count, while Ginny is involved in only 29 pages of Goblet of Fire, she inhabits about 120 pages in Order of the Phoenix.

When Ginny arrives on the scene, she has a new agenda. She says hello to Harry “brightly” and immediately joins in the conversation (OP4). Notice that she has waited until Harry has finished his tirade with Ron and Hermione, but unlike Fred and George, who chided Harry, she simply says, “I thought I heard your voice.” It is as if he is just another friend. As we learn much later, she has been counseled by Hermione, who says Ginny gave up on Harry months ago. “‘Not that she doesn’t like you, of course,’ she added kindly to Harry. . ..” (OP16).

As always, Ginny is sensitive to Harry’s feelings waiting until he has finished his tirade and not bringing it up. Later, she is able to defuse another potential tirade when she interrupts him: “‘We know, Harry,’ said Ginny earnestly” (OP4). The observant reader will notice that her attention is always on Harry. Just one of many examples occurs after Ginny catches the Snitch against Hufflepuff. She plays down her achievement and tells Harry she would rather be a Chaser once Harry gets back. When Harry moans about his lifelong ban, she says it will only last while Umbridge is there (OP26). An earlier example is when Ron and Hermione have to leave Harry on the train to go to the prefect’s compartment. Ginny, perhaps sensing Harry’s disappointment, immediately suggests they look for a compartment themselves (OP10) even though she is seeing Michael Corner (OP17).

In this book Rowling makes clear the strong connection between Harry and Ginny as the only two who have had Voldemort inside their heads. After the attack on Mr. Weasley when Harry is loathe to see his friends or express his worries about being possessed, Ginny confronts him. “‘Well, that was a bit stupid of you,’ said Ginny angrily, ‘seeing as you don’t know anyone but me who’s been possessed by You-Know-Who, and I can tell you how it feels’” (OP23).

For indicators in Order of the Phoenix that Rowling is bringing Ginny forward as a major player, we have only to note her scenes with Harry in which she is no longer shy contributing to the conversations (OP4), sits with Harry and Neville on the train (OP10), is observed by Harry doing well in the Dumbledore’s Army lessons (OP18), reminds Harry that she knows what it’s like to be possessed (OP23), and impresses Harry with her Quidditch performance against Hufflepuff (OP26). However, the most telling scene in OP occurs when Harry is not present, but is recounted by Ron. In describing the Quidditch match against Ravenclaw, he tells Harry that Ginny caught the Snitch right out from under Cho’s nose (OP31). If you exchange the word “Snitch” for “Harry,” you can see this action as symbolizing that Ginny will supplant Cho in Harry’s affections.

One of the major themes in Order of the Phoenix is the unfolding of Ginny’s character. Rowling takes great pains to reveal the true Ginny over the course of the book. In OP4, Ginny tells them she tossed Dungbombs at the kitchen door (mischievous, resourceful). In OP6, George says size doesn’t matter; look at Ginny’s Bat-Bogey Hex (talented, spunky). Again in OP6, she shuts the enchanted music box (sensible, coolheaded). In OP10, she cleans the Stinksap with a Scourgify spell (skillful). In OP16, she says, “Hem, hem” in imitation of Umbridge (sense of humor, good mimic). In OP18, she suggests the name “Dumbledore’s Army” (intelligence, insight), and is seen to be “doing very well” at D.A. (talented, quick learner). In OP26, Hermione says Ginny had been breaking into the shed since the age of six to use the twins’ brooms to practice Quidditch (resourceful, plucky). In OP29, she says she learned from Fred and George that anything’s possible if you’ve got the nerve (courage, optimism). In OP32, she agrees to help Harry in the plan to contact Sirius (eagerness, enthusiasm), and is later seen trying to kick the shins of her captor after being caught (fearless, defiant). In OP33, she will not be left behind (bravery, determination).

It is amusing to speculate why she waited until Cho had left the train compartment to clean the Stinksap off Harry. She is dating Michael Corner and does not seem to be jealous of Cho. She informs Cho of the first D.A. meeting (OP18) and later consoles Harry saying, “I’m sure if you just talked to Cho . . .” (OP29). But she has not totally “given up” on Harry, so, she does not mind if Cho sees him in a less than perfect light.

Rowling has introduced us gradually to Ginny’s true character to prepare us for her inclusion in the episode at the Ministry. Although Harry contemplates that, if he could have chosen anyone to help, he would not have chosen Neville, Luna and Ginny (OP33), they have actually shown themselves quite competent in their D.A. lessons and the most dedicated of the D.A. members. That Ginny’s character has been the most fully developed of the three indicates her importance in Rowling’s designs. She, like the others, deports herself well at the Ministry refusing to be left in the corridor as a guard (OP34), keeping a cool head (OP34), and displaying grit and determination after her leg is broken (OP35).

This whole episode is reminiscent of both the Gospels with their message that the weak are used to confound the mighty, and The Lord of the Rings where the seemingly weak — the Hobbits and the woman Eowyn — are the ones that save Middle Earth.

All six “musketeers” are together in the hospital wing as Hermione reads the Daily Prophet (OP38). Ginny, whose “ankle had been mended in a trice,” relates intervening events to the patients, and gives astute observations on the conditions of Filch and Umbridge (OP38). But the Trio has not become a sextuplet; Harry thinks only of telling Ron and Hermione about the prophecy he heard from Dumbledore (OP38). He is not ready to include Ginny or the others in the core group.

On the train home, Ginny informs her companions that she has dumped Corner and is now going with Dean Thomas (OP38). It may be significant that Luna is not present with Harry, Ron and Hermione on the train back to London though Ginny and Neville are. Of course, Luna’s father may have picked her up at Hogwarts for their Crumple-Horned Snorkack vacation, but Rowling may be using this scene to point to the importance of these two in the final episode of the series: Neville as the boy who could have been chosen and Ginny as Harry’s soulmate.

In Half-Blood Prince, Ginny’s true position is finally revealed though it takes 533 pages to finally happen. In Order of the Phoenix Rowling developed Ginny’s character; in this book, she develops Harry’s feelings for Ginny and his realization that she is the one for him. Ginny is seen in Half-Blood Prince more than in any other book. Though she is involved in only 103 pages compared with 120 in Order of the Phoenix, she takes a larger percentage of each page. In addition, since Half-Blood Prince is 218 pages shorter than Order of the Phoenix, the 103 pages is actually a larger percentage of the book.

Because the first four chapters are concerned with other issues, Harry does not see Ginny until HBP5 when she comes into Harry’s room at the Burrow. Rowling further reveals Ginny’s down-to-earth personality. She is very critical of Fleur’s pretentiousness, calls her Phlegm, and does a humorous imitation of her mannerisms (HBP5). But Rowling’s main intention is to get Harry and Ginny together, so she has them being chummy at the Burrow, sharing a joke about Fleur and playing Quidditch every day with Ron and Hermione (HBP7). Mr. and Mrs. Weasley take the four to Diagon Alley where they spend more time together, especially at Fred & George’s joke shop (HBP6). However, it is significant that later in HBP6 when the Trio confronts Draco and his mom and when they follow Draco, Ginny is not with them.

On the train to Hogwarts Harry asks Ginny to sit with him, but she declines saying she has promised to sit with Dean (HBP7). I think she knows instinctively that she will get further by not being too anxious, by not standing someone up for Harry and by letting him taste a little loneliness. Harry, on his part, felt a “twinge of annoyance as she walked away” and notices “her long red hair dancing behind her.” He has grown used to her presence and has forgotten that she did not hang around with the Trio at school. It rather reminds one of Professor Henry Higgins in My Fair Lady admitting “I’ve grown accustomed to her face.”

Another example of Harry’s growing affection for Ginny, though he is still unaware of it, occurs when he smells the love potion in class. Among other things he likes, it reminds him of a flowery smell he remembers from the Burrow (HBP9). As Hermione points out, Amortentia smells differently to each of us “according to what most attracts us” (HBP9). Later, Harry catches a waft of the same flowery smell when Ginny comes up behind him (HBP9).

Thanks to her “most marvelous” Bat-Bogey Hex she becomes a member of the Slug Club (HBP7). Apparently, she is very popular even without Professor Slughorn. Fred and George question her about boyfriends (HBP6) and Pansy Parkinson says boys like her, even Blaise thinks she is good looking (HBP7). We find her surrounded by friends on the train, in the Great Hall and in the Common Room.

Rowling keeps Ginny in the picture as the story progresses. She is usually shown in a favorable light before Harry as when she is the best at Quidditch tryouts scoring 17 goals (HBP11). But JKR has her doing other things to keep her in the picture: playing with Arnold, her Pygmy Puff (HBP11), delivering Dumbledore’s letter to Harry (HBP12), practicing with the team (HBP14), and playing against Slytherin (HBP14). Later, Rowling has Luna complimenting Ginny to Harry, saying she has been nice to her stopping two boys from calling her Loony (HBP15).

Meanwhile, Harry begins to be aware of his feelings for Ginny. Harry asks her to go to Hogsmeade with them, but she begs out saying she is going with Dean. When he does not see her there, he wonders if she is getting cozy with Dean at Madam Puddifoot’s Tea Shop, and scowls (HBP12). Later, he has a sinking feeling about putting Dean on the team. When Harry and Ron come across Ginny and Dean kissing behind a tapestry, “something large and scaly erupted into life in Harry’s stomach,” and Harry wants to “jinx Dean into jelly.” During the heated argument that ensues between Ron and Ginny, Harry sides with Ron in his mind wanting the relationship stopped. He tries to tell himself he is indignant because he thinks of her as a sister, but he is not convinced. He pictures himself kissing her and Ron getting angry at him. Harry can not get her out of his head when trying to sleep (HBP14).

Harry’s affection for Ginny continues to grow but he continues to be unsure of his feelings. After the Quidditch match when Ginny collides with the podium collapsing it around Zacharias Smith, Harry and Ginny hug, but he lets go very quickly. Later, when he bumps into Ginny, and she says “Good game,” and pats him on the arm, he feels a “swooping sensation in his stomach” (HBP14). Then, with Slughorn’s Christmas party looming, Harry says there isn’t anyone he wants to invite while still trying not to think about Ginny, but she keeps cropping up in his dreams (HBP15). And back at the Burrow for Christmas, when Ginny picks a maggot out of Harry’s hair, he feels “goosebumps erupt up his neck that had nothing to do with the maggot” (HBP16).

By the time they return to school, Harry apparently no longer has any doubts that his feelings for Ginny are not brotherly. From here, Rowling starts moving events more quickly in the development of their relationship. When she goes off to see Dean, Harry thinks she does not sound enthusiastic (HBP17), and when in the hospital Ron tells him Ginny visited while he was unconscious, his “imagination zoomed into overdrive” envisioning a scene with Ginny weeping over his body and confessing her deep attraction for him (HBP19). Then, when Hermione tells him that Ginny has argued with Dean, “the drowsing creature in Harry’s chest suddenly raised its head, sniffing the air hopefully” (HBP20). Harry has thoughts about using Felix Felicis to win Ginny (HBP22). Finally, when Hermione tells Harry that Ginny and Dean have broken up, Harry’s insides are suddenly dancing the conga (HBP24). But he is still waging a debate in his mind about how Ron would take it if he and Ginny started seeing each other (HBP24).

Now Rowling really has the ball rolling — or the Quaffle flying — and it is zooming toward the goal. After Ginny’s breakup with Dean, she becomes the life of the practice (HBP24), imitating Ron and Harry on the pitch, and Harry is glad to have an innocent reason to look at her and laugh. But the battle still rages in his mind — Ron or Ginny? Talking to her, laughing with her, walking with her from practice, he worries that someone else will ask her out. In his mind he agrees with Ron that she is too popular for her own good (HBP24). He hopes that winning the next Quidditch match will mean winning Ginny, too (HBP24). In fact, that is exactly what does happen, but not in the way expected. Harry misses the game because of his detention, but Gryffindor wins anyway with Ginny at Seeker. After the game, in what is probably the most anticipated scene to date, Ginny runs toward Harry with “a hard, blazing look in her face as she threw her arms around him. And without thinking, without planning it, without worrying about the fact that fifty people were watching, Harry kissed her.” Ron gives a head-jerk that means, “Well — if you must” and the creature in Harry’s chest roars with triumph (HBP24, emphasis in original).

The next few weeks are pure bliss for Harry and Ginny, but we know the bliss cannot last. There are the Horcruxes and Malfoy’s plotting that will soon bring disaster. Before Harry leaves with Dumbledore, he gives the Felix Felicis to Ron and Hermione telling them to call up the D.A. and share the potion with Ginny (HBP25). He knows that Ginny will respond to the call and he wants her safe. When Harry runs into the tower after Snape, Ginny is fighting the lumpy Death Eater and dodging his hexes (HBP28). Harry stops just long enough to jinx him. The potion seems to be working for Ginny. When the fighting is all over and Harry is numb beside Dumbledore’s body, it is Ginny who lifts him up and leads him away. He is aware of her only because of a trace of flowery smell (HBP29). Rowling has said in an interview that Ginny is a very strong character, and we see that here once again. She is strong enough to tell him what happened to Bill (HBP29). Bill is perhaps her favorite brother. We have previously seen her defending Bill’s ponytail on two occasions and once hugging him before getting on the train. She is also the one who tells Ron that Dumbledore is dead and then whispers to Madam Pomfrey to “Shh” when she hears the Phoenix song (HBP30). In this time of shock, she seems to be the one most in control.

The happiness for Harry and Ginny fully ends when, after the funeral, in a scene reminiscent of Peter Parker trying to protect Mary Jane from the consequences of being Spiderman’s girl, Harry likewise tells Ginny they must stop seeing each other. Harry knows that Voldemort would use her to get to him, and though she is not afraid, he makes her realize he could not bear to see her hurt. Ginny tells Harry she knew he would not be happy if he was not hunting Voldemort, and maybe that’s why she likes him so much (HBP30).

Going back to HBP29 to one of the most touching scenes in the whole series we find that Fleur’s love for Bill and the depth of her character have been misjudged by all. Ginny had been especially critical of Fleur, and is stunned to see her mom and Fleur crying and hugging each other (HBP29). We discover perhaps for the first time that Ginny is not perfect. Rowling, perhaps taking a page from one of her favorite authors Jane Austen, is showing that Ginny Weasley, like Elizabeth Bennett in Pride and Prejudice, has been guilty of prejudice and self-deception. Far from diminishing Ginny’s worth, the episode builds her character bringing her more maturity as she accepts Fleur as her beloved brother’s future wife (HBP29).

A few other observations are in order. First, Harry has not told Ginny about the Horcruxes. This is consistent with his wanting to protect her and prevent her from being used by Voldemort. Second, the fact that Ginny uses the name Voldemort when saying Harry will hunt him (HBP30) again attests to her courage, common sense and connection to Harry. She is not afraid to say his name; she has encountered Voldemort herself and lived through it. Finally, Ginny confirms what Harry had learned earlier through Hermione: that Ginny had backed off from Harry-worship, tried to date others and become more herself with Harry. But she had never stopped liking him (HBP30).

Ginny in Book Seven

If anyone is still thinking that Hermione is in love with Harry and is the one for him, her actions in counseling Ginny and her knowing smiles when Harry is showing interest in Ginny should dispel all such hopes. What will happen in the final installment of the series, we can only guess. Rowling will not hide Ginny again; she has become too important. And what Harry and Ginny feel is not the puppy love Harry and Cho had. Harry and Ginny are well matched and their young age makes little difference. There is precedence for young love in the wizarding world — after all, children come of age at seventeen. Harry will be 17 and Ginny 16 in just two months. Both James and Lily Potter and Arthur and Molly Weasley fell in love while still in school.

In the final confrontation, I do not think Jo will take the easy way out, imitating hundreds of other story lines, by putting Ginny in peril for Harry to save. I could be wrong, of course, but Jo does not often do things in the usual ways. And she has already used that card when Harry tried to save Sirius. I think, though, that Ginny will have an important role to play in Voldemort’s demise. Rowling herself has said that, as the first female Weasley in several generations, she can be expected to be a talented witch.

Although some have postulated Harry may have to die in defeating Voldemort, I think everyone prefers that Harry live happily ever after; for some it’s with Ginny, for others with Hermione. And some prefer a Harry, wiser and mature, with no one at his side but looking expectantly toward the future. We will not all be satisfied, but until the last book is released, we can all indulge our favorite fantasies.

Outside of Harry and Ginny, my personal hopes are that Luna and Neville will fall in love and that Luna's faith will be vindicated, as one of Voldemort’s Horcruxes gets impaled on a Crumpled-Horn.
______________________________________________________
Notes

[1] Aragorn in The Lord of the Rings is also a “prince-in-hiding,” except that he is an adult and knows who he is.

[2] Let us not take this analogy too far. Rowling does not parallel the plots of older stories, but only uses them for symbols and allusions. Therefore, there is no reason to believe that Ginny will be unfaithful to Harry as Guinevere was to Arthur. After all, Ginny chose Harry from the beginning, unlike Guinevere who was betrothed to Arthur before they met. Note also that Eilonwy, Aravis, and Arwen were never unfaithful.

[3] I will list the number of pages she appears in each book. My count may vary from others because I have counted pages only when her name is mentioned or she has some lines or actions. Therefore, although she may be present in a lengthy Common Room scene, if she is mentioned only once, I have counted that as only one page. There are a few exceptions. For example, in the scene when they discover Gilderoy and Neville at St. Mungo’s, Rowling has included Ginny as a fourth with Harry, Ron and Hermione; therefore, she is integral to the whole scene even though she is not mentioned on two of these pages.








Info
Stai guardando TID 5143
(EID 46 - REV 2 By Charlotte_Mills)
September 27, 2017

R0 R1 R2

22059 visualizzazioni

Modifica