Flamel, Nicolas

    Pagina Catalogata come Maghi Famosi


Mago Famoso
Denominazione Nicolas Flamel



Nicolas Flamel (Pontoise, 28 settembre 1926 – Parigi, 1418) , scrivano e copista dell'Università di Parigi, fu un celebre alchimista francese del XV secolo.

La sua vita non è un mito: la sua casa a Parigi, costruita nel 1407, è ancora in piedi e si trova al numero 51 di rue de Montmorency (III arrondissement di Parigi), dove ora c'è un ristorante. Le sue imprese, tuttavia, sono materia da leggenda.

Si suppone che Flamel sia stato il più completo fra gli alchimisti europei. Le leggende narrano che riuscì a perseguire due magici traguardi dell'alchimia, quelli che sono ritenuti gli obiettivi principali di questa pseudoscienza: creò la pietra filosofale, in grado di trasformare il piombo in oro, e assieme a sua moglie Perenelle ottenne l'immortalità.

Si suppone che Flamel abbia ricevuto da uno straniero un libro misterioso, scritto da un antico personaggio noto come Abramo L'Ebreo. Il libro era pieno di parole cabalistiche in greco ed ebraico. Flamel dedicò la sua vita al tentativo di comprendere il testo di questi segreti perduti. Viaggiò per le università in Andalusia per consultare le massime autorità ebraiche e musulmane. In Spagna incontrò un misterioso maestro che gli insegnò l'arte di comprendere il suo manoscritto.

Dopo il suo ritorno dalla Spagna, Flamel fu in grado di diventare ricco: la conoscenza che ricavò durante i suoi viaggi lo resero un maestro dell'arte alchemica. Flamel diventò un filantropo, donando ospedali e chiese grazie ai ricavi provenienti dal suo lavoro alchemico. Flamel fece sì che degli arcani simboli alchemici venissero scolpiti sulla sua lapide, attualmente conservata all'Hotel de Cluny di Parigi. La sua tomba è vuota; alcuni dicono che fu saccheggiata da persone in cerca dei suoi segreti alchemici.

D'altra parte, se Flamel ha di fatto raggiunto il segreto dell'immortalità, la sua tomba vuota può avere altra spiegazione.

Torna in cima



Personaggio
Nome Nicolas Flamel
Data Nascita1300/1326
Data Morte 1992/1996
Moglie Petronella Flamel
Scuola e Casa Beauxbatons


Nicolas Flamel Harry Potter - PotterPedia.it


Nicolas nacque all'inizio del XIV secolo. Nella sua giovinezza, Nicolas ha frequentato l'Accademia di Magia di Beauxbatons, situata nelle montagne dei Pirenei in Francia, ed è stato lì che ha incontrato Petronella, la sua futura moglie. Si dice che in seguito abbia finanziato sia il castello che il terreno dell'Accademia, e una fontana sul terreno è stata chiamata come il nome della coppia.

Flamel divenne un noto alchimista di notevole talento. Ad un certo punto, ha creato la Pietra filosofale, un oggetto di immenso potere magico. Con la Pietra, ha creato l'Elisir della vita, che prolungò appunto la sua vita. Sebbene sia chiaro che abbia usato l'Elisir per prolungare notevolmente la sua vita, non è specificato se abbia usato i poteri della Pietra per diventare molto ricco, poiché la Pietra è anche in grado di trasformare qualsiasi metallo in oro.
Intorno al 1720 circa, Nicolas fu attivo sul campo di guerra, nel decennio successivo invece fu inattivo su questo fronte. Nel 1762 fu avvistato in un teatro dell'opera a Parigi.
Nella fine del 1800, Nicolas entrò per la prima volta in contatto con il brillante Albus Silente.
Nel 1927 La casa di Nicolas Flamel diventò alloggio di supporto per Newt Scamander, Jacob Kowalski e Tina Goldstein durante la rivoluzione di Gellert Grindelwald
Quando Albus Silente iniziò ad agire per fermare Gellert Grindelwald, Nicolas Flamel come suo amico, decise di aiutarlo in questo, e per questo motivo, accettò di prestare il suo appartamento al Magizoologo Newton Scamandro e ai suoi amici, se la situazione lo richiedeva.
Quando Yusuf Kama, che cercò di imprigionarli, svenì, Scamander insieme a Porpentina Goldstein e al Babbano, Kowalski, decisero di approfittare dell'invito.

Dopo aver curato il mago svenuto, Newt e Tina lasciarono Jacob a guardia al malato. Fu in quell'occasione che Nicolas, tornato a casa, conobbe il Babbano che inizialmente lo scambiò per un fantasma.
Fu grazie ad una sfera di cristallo magica che i due riuscirono a scoprire il luogo dove Grindelwald si sarebbe recato in primis, poi Jacob vide la sua amata Queenie Goldstein.
Quando l'alchimista rimase da solo la visione nella sfera di cristallo cambiò e presentò i tragici eventi imminenti legati al raduno dei sostenitori di Grindelwald. Dopo averlo visto, l'alchimista volle avvisare Silente con l'aiuto di un suo particolare suo libro, ma non riuscì a contattarlo. alla fine contattò #.Eulalie Hicks,.# che gli consigliò di andare in soccorso lui stesso. Nicolas, tuttavia non partecipava ad una battaglia da ben duecento anni.
Flamel arrivò al auseleo della famiglia Lestrange mentre Grindelwald si era già dato alla fuga e aveva scatenato un Protego Diabolica nel tentativo di distruggere Parigi. Nicolas ordinò loro di formare un cerchio, piantare le loro bacchette nel terreno e usare il contro incantesimo per eccellenza. L'effetto fu la creazione di un fuoco purificante, che, diretto non verbalmente, eliminò l'effetto dell'incantesimo di
Grindelwald e salvò l'intera città dalla distruzione.


Negli anni '90, Nicolas si trasferì in Gran Bretagna con sua moglie e si godeva una vita tranquilla nel Devon.
Tuttavia, il pericolo dell'esistenza della Pietra fu messo in luce quando Lord Voldemort, con l'aiuto del professor Quirinus raptor di Hogwarts, riuscì quasi a rubarla allo scopo di riportare Voldemort in forma fisica. Tuttavia, il suo piano fu contrastato da tre nobili bambini: Harry Potter, Hermione Granger e Ron Weasley. Flamel concordò, insieme a Silente, che la pietra doveva essere distrutta.
Con abbastanza elisir per mettere in ordine i suoi affari, si prevedeva che Flamel e sua moglie sarebbero morti poco dopo.


Torna in cima


I Pensieri di J.K. Rowling link


(Esclusivo di Pottermore)



« Nicolas Flamel è realmente esistito. Ho letto di lui attorno ai vent'anni, quando mi sono imbattuta in una delle tante versioni della storia della sua vita, in cui si diceva che avesse acquistato un misterioso libro intitolato Il libro di Abramo l'ebreo, pieno di simboli strani che Flamel aveva riconosciuto come nozioni di alchimia. Sempre secondo la storia, Flamel dedicò in seguito tutta la vita alla produzione della Pietra Filosofale.
Il vero Flamel era un ricco uomo d'affari e un noto filantropo. A Parigi ci sono strade intitolate a lui e alla moglie Perenelle.
Diversi mesi dopo aver cominciato a scrivere la Pietra Filosofale, ricordo di aver fatto un sogno su Flamel molto dettagliato ed eccezionalmente vivido: come un dipinto rinascimentale che avesse preso vita. Flamel mi guidava attraverso il suo caotico laboratorio immerso in una luce dorata, e mi mostrava esattamente come produrre la Pietra (mi piacerebbe ricordarmi come si fa). »

Nicolas Flamel è presente 14 volte nelle nostre citazioni dai Libri di Harry Potter.
Leggile Ora

Cronologia


circa 1326
Nasce Nicolas Flamel.
L'anno è basato sul fatto che, in PF, un libro che parla di Nicholas Flamel riferisce che lo stesso ha celebrato il suo 665 compleanno l'anno precedente (PF1, 13). Questa informazione ci viene però fornita da un "enorme vecchio libro", quindi non possiamo essere pienamente certi della sua attendibilità.





Ultimi Articoli Correlati

Il vero Nicolas Flamel 2007-03-28 20:05:34
Curiosità su Nicolas Flamel 2006-12-29 12:46:00
Info
Stai guardando TID 601
(EID 6 - REV 4 By Percy_Smith)
August 22, 2017

R0 R1 R2 R3 R4 R5 R6

0 visualizzazioni

Modifica